La sfida del peperoncino: un isernino cerca il Guinness dei primati

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Il campione nazionale Giancarlo Gasparotto, di origini pentre, il 19 agosto impegnato a Tarquinia nella competizione valida per il libro dei record. Dovrà cercare di mangiare la maggiore quantità possibile del piccantissimo Bhut Jolokia


TARQUINIA LIDO (VITERBO). Tenterà il Guinness più piccante, cercando di mangiare la maggiore quantità possibile del fortissimo peperoncino  Bhut Jolokia in 2 minuti. Si tratta Giancarlo Gasparotto, campione italiano dei ‘Mangiatori di Peperoncino’, meglio noto come Jack Pepper, isernino di origini ma da anni residente a Monza. Il detentore del titolo tricolore si cimenterà nella competizione valida per il Guinness dei Primati il prossimo 19 agosto a Tarquinia Lido, in provincia di Viterbo, dove si svolgerà la Festa del Peperoncino ArgenPic.

Detentore del titolo, l’americano da Kevin ‘L.A. Beast’ Strahle, che lo scorso 3 maggio è riuscito a ingurgitare qualcosa come 121,90 grammi del micidiale peperoncino indiano, il quarto più piccante al mondo. Per far capire di cosa stiamo parlando, secondo quanto riferito dal portale ‘lextra.news’, stando alla scala ‘Scoville’ che misura la piccantezza, il Bhut Jolokia oscilla da 855.000 a 1.041.427 Scoville heat units, mentre il nostro peperoncino calabrese, considerato tra i più piccanti in Italia, raggiunge i 20.000.

L’evento valido per l’iscrizione nel Guiness sarà trasmesso su scala internazionale tramite live-streaming alla presenza di due esponenti ufficiali della Federazione Italiana cronometristi (FICR), fotografi professionisti e due testimoni scelti tra le massime autorità locali, oltre ad esperti  e agronomi appartenenti ad organismi pubblici regionali del Lazio.