Isernia Fc, Silvestri fa mea culpa: ” Potevo evitare il goal di Perrella”

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Il portiere torna sulla finale playoff persa per 1-0 contro il Vastogirardi. “Non riesco a darmi pace, ammetto di aver commesso una ‘papera’ come si suol dire”


ISERNIA. Nella stagione che è appena terminata, Giovanni Silvestri, portiere dell’Isernia, si è sempre reso protagonista di ottime prestazioni. Di goal ne ha evitati tanti, immolandosi in parate miracolose e riuscendo persino a intuire la traiettoria di qualche calcio di rigore,  come quello parato a Riccitiello nel derby con il Venafro, che ha consentito all’Isernia di aggiudicarsi la vittoria. Ma nell’ultima gara della stagione, la finale playoff persa per 1-0 contro il Vastogirardi, Silvestri ha commesso un clamoroso errore: su un tiro cross dalla distanza  tenta l’uscita, ma non riesce a trattenere il pallone. L’attaccante del Vastogirardi, Perrella, che si trova proprio in area di rigore, ne approfitta e deposita in rete. “Non riesco a darmi pace - ammette con rammarico il portiere biancocelestebn-. Se solo avessi respinto il pallone lateralmente, anziché tentare la presa, avrei evitato quel goal”.  Il numero uno biancoceleste  ha deciso di chiedere pubblicamente scusa  ai tifosi, alla società e ai compagni di squadra con una lettera che riportiamo integralmente.

“Cara Isernia, cari tifosi, ma soprattutto cari compagni di squadra, scrivo queste parole perché mi sento in dovere di ringraziarvi per quest'anno trascorso insieme e per prendermi una doverosa responsabilità. Ammetto senza paura di aver commesso come si dice in gergo una "papera" nella partita forse dove il mio aiuto sarebbe servito più delle altre volte. Chiudere l'annata calcistica in questo modo per me è davvero amareggiante.  Mi sento afflitto da una sensazione di incompletezza ineguagliabile. Vorrei quindi scusarmi con voi compagni di squadra che mai come quest'anno siete stati una seconda famiglia, per avervi reso quell'impresa ancora più difficile di quanto non fosse e per aver tradito la vostra fiducia in un momento così importante, sono sicuro che senza quel goal sarebbe stata una partita sicuramente diversa, allo stesso tempo nonostante non abbia ancora metabolizzato bene il tutto voglio ringraziarvi per non avermi detto una sola parola fuori posto e per non avermelo  mai fatto pesare.  Questo mi ha fatto capire che non siete semplici giocatori, ma persone vere con grandi valori. In questi giorni mi è stato ripetuto piu’ volte "dagli errori si cresce , si impara e si riparte più forti di prima" ed è proprio quello che ho intenzione di fare e spero di rifarlo con ognuno di voi. Detto questo sono veramente onorato di aver fatto sacrifici con voi e di aver sudato per una maglia che solo con la sua storia trasmette la voglia di scendere in campo. Questo è un gesto che sentivo di dover fare, forse egoisticamente per stare meglio con me stesso, ma penso  che sia il giusto merito che  compagni come voi debbano ricevere. Tutto il lavoro fatto sinora non potrà mai sminuirlo nessuno”.

C’è anche da dire che se Silvestri avesse parato quel goal, la gara sarebbe terminataa reti inviolate e per l’Isernia sarebbe cambiato ben poco, visto che al Vastogirardi bastava il pareggio per accedere ai playoff nazionali.

Giu.Cri.