'La Molisana' conquista Parigi. Lo spaghetto quadrato vince ancora

'La Molisana' conquista Parigi. Lo spaghetto quadrato vince ancora

Impegno, professionalità e cura per le materie prime hanno consentito all’azienda di ottenere importanti riconoscimenti al Sial 2016 di Parigi


CAMPOBASSO. Materie prime di ottima qualità e la possibilità di offrire un prodotto controllato in tutte le sue fasi di lavorazione. E’ questo il segreto che rende unica la pasta ‘La Molisana’Una cura per il dettaglio che consente di portare sulla tavola degli italiani, e non solo, un alimento unico.

Massima attenzione per le materie prime. Acqua e semola devono essere di ottima qualità. Un presupposto imprescindibile per chi, come ‘La Molisana’, gestisce l'intera filiera. L’acqua pura sgorga a 1850 metri e ‘sposa’ la semola derivata dal grano, a cui l’azienda dedica una cura che non trascura alcun dettaglio, conoscendo bene  il mercato e fornitori affidabili. ‘La Molisana’ fa parte del gruppo Ferro, mugnai da 100 anni che in 4 generazioni hanno costruito know-how e credibilità nell'acquisto e selezione delle varietà più pregiate di grano duro, certificate e tracciabili.

GUARDA IL VIDEO SULLA FILIERA INTEGRATA

pasta 22Il grano viene selezionato infatti con i criteri più severi, seguendo un protocollo che ne certifica l'origine e fornisce informazioni dettagliate sulle tecniche colturali in relazione alla varietà, al clima, al suolo e alla concimazione. Fondamentale poi anche la capacità di stoccaggio, che consente di garantire una qualità costante per tutta la produzione, svincolandosi dalle fluttuazioni di prezzo. I silos, prevalentemente in cemento armato, riescono a stoccare 265 mila tonnellate di grano duro, valore che rende l’azienda con sede a Campobasso leader in Europa. Il processo scelto di macinazione soft predilige tempistiche lunghe e cadenzate, in cui il chicco viene macinato gradualmente attraverso innumerevoli passaggi che non ne aggrediscono le proprietà ma preservano l'integrità del cuore, la parte più preziosa per ottenere una semola purissima. Il risultato? Una pasta con un valore proteico mai inferiore al 14%, un basso contenuto di ceneri pari allo 0.82, un elevato indice di colore giallo mai inferiore a 27 punti Minolta e, infine, un indice di tenacità pari ad 85, che rappresenta il dato più importante perché determina la tenuta in cottura della pasta.

Impegno e professionalità che, negli ultimi giorni, hanno permesso a La Molisana di conseguire nuovi e importanti successi.  A Parigi, lo spaghetto quadrato integrale ha infatti vinto il Premio Innovazione agli Italian Food Awards

GUARDA LO SPOT DELLO SPAGHETTO QUADRATO

Rinnovata soddisfazione per il gruppo Ferro a pochi mesi di distanza dai Bellavita Awards, kermesse londinese che aveva premiato lo spaghetto quadrato. La competizione francese, organizzata da Italianfood.net, piattaforma internazionale di food, in collaborazione con Sial Paris è una vetrina in cui si presentano e valorizzano i prodotti innovativi italiani rivolti ai mercati internazionali. Ben 254 le candidature, suddivise in undici categorie merceologiche con una giuria di buyer, distributori e importatori che hanno rivolto la loro attenzione verso componenti di innovazione, sostenibilità, convenience e packaging.  

PASTA 12“Al Sial di Parigi abbiamo portato la linea benessere nella quale crediamo molto e che ci sta regalando grandi soddisfazioni – afferma compiaciuto il direttore export, Giuseppe Sacco -  Il Premio ricevuto con lo spaghetto quadrato integrale conferma il trend e ci gratifica enormemente”. Una vetrina importante, quella parigina, che ha consentito di far conoscere e apprezzare la nuova linea biologica messa a punto da La Molisana. “Nell’ambito del completamento di gamma e considerando l’incremento al 30 settembre 2016 del 30% rispetto al 2015 l’azienda ha presentato la linea biologica, la Gluten Free e ha anticipato la biologica integrale, di prossima uscita – dichiara Sacco – A una forte richiesta di tali novità l’azienda ha risposto immediatamente con prodotti ad hoc”. L’agro-alimentare rappresenta un comparto sempre più dinamico che scopre sempre nuove tendenze. E La Molisana, a conferma di ciò, ha portato al Sial 2016 anche gli sfarinati”. 

'La Molisana' conquista Parigi. Lo spaghetto quadrato vince ancora
Watch the video

'La Molisana' conquista Parigi. Lo spaghetto quadrato vince ancora

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Impegno, professionalità e cura per le materie prime hanno consentito all’azienda di ottenere importanti riconoscimenti al Sial 2016 di Parigi


CAMPOBASSO. Materie prime di ottima qualità e la possibilità di offrire un prodotto controllato in tutte le sue fasi di lavorazione. E’ questo il segreto che rende unica la pasta ‘La Molisana’Una cura per il dettaglio che consente di portare sulla tavola degli italiani, e non solo, un alimento unico.

Massima attenzione per le materie prime. Acqua e semola devono essere di ottima qualità. Un presupposto imprescindibile per chi, come ‘La Molisana’, gestisce l'intera filiera. L’acqua pura sgorga a 1850 metri e ‘sposa’ la semola derivata dal grano, a cui l’azienda dedica una cura che non trascura alcun dettaglio, conoscendo bene  il mercato e fornitori affidabili. ‘La Molisana’ fa parte del gruppo Ferro, mugnai da 100 anni che in 4 generazioni hanno costruito know-how e credibilità nell'acquisto e selezione delle varietà più pregiate di grano duro, certificate e tracciabili.

GUARDA IL VIDEO SULLA FILIERA INTEGRATA

pasta 22Il grano viene selezionato infatti con i criteri più severi, seguendo un protocollo che ne certifica l'origine e fornisce informazioni dettagliate sulle tecniche colturali in relazione alla varietà, al clima, al suolo e alla concimazione. Fondamentale poi anche la capacità di stoccaggio, che consente di garantire una qualità costante per tutta la produzione, svincolandosi dalle fluttuazioni di prezzo. I silos, prevalentemente in cemento armato, riescono a stoccare 265 mila tonnellate di grano duro, valore che rende l’azienda con sede a Campobasso leader in Europa. Il processo scelto di macinazione soft predilige tempistiche lunghe e cadenzate, in cui il chicco viene macinato gradualmente attraverso innumerevoli passaggi che non ne aggrediscono le proprietà ma preservano l'integrità del cuore, la parte più preziosa per ottenere una semola purissima. Il risultato? Una pasta con un valore proteico mai inferiore al 14%, un basso contenuto di ceneri pari allo 0.82, un elevato indice di colore giallo mai inferiore a 27 punti Minolta e, infine, un indice di tenacità pari ad 85, che rappresenta il dato più importante perché determina la tenuta in cottura della pasta.

Impegno e professionalità che, negli ultimi giorni, hanno permesso a La Molisana di conseguire nuovi e importanti successi.  A Parigi, lo spaghetto quadrato integrale ha infatti vinto il Premio Innovazione agli Italian Food Awards

GUARDA LO SPOT DELLO SPAGHETTO QUADRATO

Rinnovata soddisfazione per il gruppo Ferro a pochi mesi di distanza dai Bellavita Awards, kermesse londinese che aveva premiato lo spaghetto quadrato. La competizione francese, organizzata da Italianfood.net, piattaforma internazionale di food, in collaborazione con Sial Paris è una vetrina in cui si presentano e valorizzano i prodotti innovativi italiani rivolti ai mercati internazionali. Ben 254 le candidature, suddivise in undici categorie merceologiche con una giuria di buyer, distributori e importatori che hanno rivolto la loro attenzione verso componenti di innovazione, sostenibilità, convenience e packaging.  

PASTA 12“Al Sial di Parigi abbiamo portato la linea benessere nella quale crediamo molto e che ci sta regalando grandi soddisfazioni – afferma compiaciuto il direttore export, Giuseppe Sacco -  Il Premio ricevuto con lo spaghetto quadrato integrale conferma il trend e ci gratifica enormemente”. Una vetrina importante, quella parigina, che ha consentito di far conoscere e apprezzare la nuova linea biologica messa a punto da La Molisana. “Nell’ambito del completamento di gamma e considerando l’incremento al 30 settembre 2016 del 30% rispetto al 2015 l’azienda ha presentato la linea biologica, la Gluten Free e ha anticipato la biologica integrale, di prossima uscita – dichiara Sacco – A una forte richiesta di tali novità l’azienda ha risposto immediatamente con prodotti ad hoc”. L’agro-alimentare rappresenta un comparto sempre più dinamico che scopre sempre nuove tendenze. E La Molisana, a conferma di ciò, ha portato al Sial 2016 anche gli sfarinati”.