HomeSenza categoriaFresilia, riprogrammati i fondi: Isernia 'al verde'

Fresilia, riprogrammati i fondi: Isernia 'al verde'

Carlo Veneziale
Carlo Veneziale

ISERNIA. “L’agonizzante Giunta Regionale di Michele Iorio, a pochi giorni dal voto, ha partorito l’ennesima deliberazione motivata da indifferibili e urgenti “ragioni elettorali”. Si tratta dell’atto n. 66/2013, riguardante una cervellotica e pretestuosa riprogrammazione dell’intervento denominato “Fresilia”. Si tratta di una infrastruttura stradale che interessa, in modo vitale, il territorio della provincia di Isernia e che, collegando le due arterie principali (Trignina e Bifernina), consentirebbe ai Comuni interessati – Frosolone, Civitanova del Sannio, Bagnoli del Trigno, Macchiagodena, Sant’Elena Sannita – di uscire dell’isolamento infrastrutturale. La decisione di realizzarla era stata presa da tempo, prevedendo un finanziamento iniziale di 15 milioni di euro a valere sulle risorse del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007-2013. Ma dopo che tutto era stato definito, la Giunta Iorio, con l’evidente scopo di promettere soldoni in campagna elettorale, giorni fa ha deciso di riprogrammare la destinazione dei 15 milioni, finanziando con essi ben 11 diversi interventi, sparpagliati territorialmente un po’ qua e un po’ là, secondo logiche clientelari e a tutto vantaggio dei Comuni della provincia di Campobasso, ai quali andranno ben 9,3 dei 15 milioni di finanziamento. Si tratta dell’ennesimo “scippo” di risorse a danno del nostro comprensorio provinciale che viene penalizzato, in particolare, proprio nell’intervento inizialmente previsto per la “Fresilia”, quasi azzerato e il cui importo s’è ridotto a 1.300.000 euro destinato alla messa in sicurezza di un’altra strada. A ciò si aggiunga che non sussistono minimamente, per la delibera regionale in questione, le paventate ragioni di “urgenza” (Lr 2/2002), giacché le risorse disponibili vanno impiegate entro il 31 dicembre 2018 (mancano “solo” sei anni!). Contro tale nefasta decisione della Giunta Iorio, l’unica voce che fino ad oggi s’è alzata è stata quella del consigliere provinciale del Partito Democratico Cristofaro Carrino, il quale ha organizzato nei giorni scorsi un’affollata riunione alla quale hanno partecipato,  insieme  al  candidato presidente del centrosinistra Paolo di Laura Frattura, numerosi cittadini e amministratori della zona. Sempre Carrino, inoltre, ha presentato una interrogazione rivolta al presidente della Provincia di Isernia (Ente attuatore e Stazione appaltante) e gli ha chiesto «se intende intervenire con estrema urgenza per difendere le ragioni di un territorio e la realizzazione e l’ultimazione di una importante arteria viaria, attesa da anni», e quali azioni «intende porre in essere per contrastare questa scellerata decisione, falsa nei presupposti» e assunta per «meri motivi elettorali»”.

 

                                                                                                               Carlo Veneziale

                                                                                                              candidato per il Partito Democratico al Consiglio Regionale

 

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Natale si avvicina: Montenero pubblica il cartellone degli eventi

Un calendario ricchissimo con più di 15 appuntamenti per tutte le festività TERMOLI. L’amministrazione comunale di Montenero di Bisaccia ha presentato il calendario di ‘Natale...