HomeSenza categoriaProgetto Molise: "Con Brasiello Isernia dependance di Campobasso"

Progetto Molise: “Con Brasiello Isernia dependance di Campobasso”

Il Comune di isernia
Il Comune di Isernia

ISERNIA. “Progetto Molise ha le idee chiare su come va amministrata la città d’Isernia. C’è invece un candidato sindaco del centrosinistra, Luigi Brasiello, che dimostra di avere le idee molto confuse. Attacca a muso duro i consiglieri comunali del centrodestra che si sono dimessi lo scorso anno decretando la caduta di Ugo De Vivo. Dimentica, il buon Brasiello, che nelle liste a suo sostegno ci sono alcuni consiglieri, eletti nel centrodestra, che si sono dimessi decretando la fine anticipata di Ugo De Vivo. Bell’affare. Brasiello si inalbera ritenendo di essere in buona fede e di conoscere i candidati delle sue liste. Noi gliene ricordiamo solo alcuni: Pietrangelo e Andrea Galasso, oltre a tanti altri esponenti fino a ieri fedelissimi del centrodestra, che sono presenti nelle sue liste. Brasiello evidentemente ha le idee confuse. Insieme al triumvirato Frattura, Ruta e Leva, punta a far diventare la città d’Isernia una dependance di Campobasso. Tra poco l’ospedale di Isernia perderà reparti molto importanti. Brasiello queste cose le sa bene, ma evita di dirle in questa campagna elettorale per non urtare la suscettibilità del triumvirato che lo ha scelto e fatto votare alle Primarie  Il centro sinistra, camuffato da centrodestra, sa bene che bisogna confondere le idee dei cittadini di Isernia che però non sono allocchi e vogliono vederci chiaro. Noi di Progetto Molise vogliamo che sia fatta chiarezza attorno a certi comportamenti di Frattura e Brasiello. che mirano a impoverire la città d’Isernia. Il nostro programma è basato su punti che nulla hanno a che vedere con l’assoluto impoverimento dei servizi della città d’Isernia, tra cui l’ Università, la salvaguardia della Provincia e dell’ospedale Veneziale, perché temiamo le conseguenze economiche e sociali che metteranno a rischio non solo il lavoro e le aspettative di tanti giovani , ma anche conquiste irrinunciabili come la sanità pubblica. Perché noi siamo dalla sua parte, invece qualcuno punta a favorire le strutture private. A noi interessa che la salute dei cittadini di Isernia sia garantita nel modo migliore e nel rispetto dell’interesse economico.  E’ inquietante sapere che la salute di ciascuno di noi è in parte condizionata da logiche del genere. Invece questi temi hanno percorso sotterraneamente anche le Primarie del centrosinistra che hanno premiato Brasiello, fino a qualche mese fa molto vicino alle posizioni di Michele Iorio.  Noi siamo innamorati di Isernia. Nella nostra lista ci sono persone legate a doppia mandata con la storia di questa città, che in questi giorni stanno cercando di far capire ai cittadini le enormi potenzialità che ha Isernia. Il motivo che ci spinge a lottare ed a chiedere il voto per il nostro sindaco Giacomo D’Apollonio è chiaro a tutti: la difesa della città d’Isernia, che rischia di essere privata di tanti servizi essenziali.  Perché Brasiello non dice che la giunta Frattura vuole eliminare tutti gli uffici della Regione a Isernia? Perché Brasiello non muove un dito per la salvaguardia di reparti importanti dell’ospedale Veneziale a rischio chiusura? Dove si colloca, a destra o a sinistra? Chi ha seguito la sua carriera si ritrova molti tratti tipici della cosiddetta politica del trasformismo contraria ai contenuti della sana politica: ambiente, qualità della vita, partecipazione attiva, critica ai partiti burocratizzati e autoreferenziali. Molti dei candidati del centrosinistra fino a ieri l’altro erano impegnati nel centrodestra ed a loro va riconosciuta una scelta coraggiosa, anticonformista: un’entourage fatto di simpatici personaggi, anche se qualcuno li ha volutamente immaginati antipatici. E per questo fumetto d’avventure è una variante non da poco. Per iniziare un dibattito sul futuro di questa città, noi di Progetto Molise offriamo le nostre idee su chi vuole rendere Isernia una minuscola realtà. Ma i cittadini  sono molto intelligenti e sapranno giudicare i comportamenti di Brasiello e del suo triumvirato. I vostri punti di vista sono molto preziosi. Fateci sentire la vostra voce. Isernia può rimanere un capoluogo di provincia vivo e dinamico. Se vincerà Giacomo D’Apollonio si aprirà davvero tutta un’altra storia. Dipende solo da voi”.

Direttivo Progetto Molise
spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

‘Un volo molto rapido’: Carovilli ricorda le donne vittime di violenza

In scena il monologo di Greta Rodan, interpretato da Andrea Cacciavillani, con le musiche del Maestro Francesco Cipullo e con una performance canora e...