HomeSenza categoriaEsattorie, crisi nera: richiesto il concordato preventivo

Esattorie, crisi nera: richiesto il concordato preventivo

La sede pentra di Esattorie Spa
La sede pentra di Esattorie Spa

ISERNIA. Lo spettro del concordato preventivo per i dipendenti di Esattorie Spa che, da lunedì prossimo, potrebbero finire in  cassa integrazione a zero ore. La notizia, riportata sui principali media del Viterbese, interessa 108 dipendenti della società di riscossione tributi, 70 dei quali impiegati nelle sedi molisane (44 a Isernia, 16 a Campobasso e 10 a Termoli). Tutti loro non prendono lo stipendio da due mesi. Per questo, tra due giorni, scatterebbero le ferie forzate per i dipendenti a seguito di formale richiesta di ammortizzatori sociali da parte dei titolari di Esattorie presso il ministero del Lavoro. Convinti, a quanto pare, anche dalla decisione dell’ex commissario prefettizio del Comune di Isernia, Vincenza Filippi, di revocare la convenzione per il servizio di riscossione dei tributi e delle imposte municipali a seguito di un contenzioso con la società per 6 milioni di euro. Pronto a emulare Isernia nell’internalizzazione del servizio, inoltre, sarebbe anche il Comune di Viterbo. Il punto è che dal 30 giugno non si sa ancora cosa dovranno fare gli enti locali, a causa di un vuoto normativo: continuare a far gestire da esterni la riscossione dei tributi o provvedere in proprio? Intanto, come scrive la responsabile dell’azienda, Sandra Marcucci, “il ricorso all’ammortizzatore si rende indispensabile e urgente in ragione della grave crisi di liquidità che la società attraversa, venutasi a determinare nell’ultimo periodo e che ha reso impossibile il pagamento delle ultime due mensilità. E ciò in ragione di un crollo del fatturato determinato dalla imminente scadenza delle convenzioni, prevista per il 30 giugno; per la delibera assunta dal Comune di Isernia di internalizzare il servizio; per la decisione del Comune di Viterbo di procedere sulla stessa strada”. Nei prossimi giorni si sapranno maggiori dettagli. Non è da escludere che si tratti di concordato preventivo in continuità aziendale, ovvero di una proposta di ristrutturazione. Nelle prossime ore, si spera, ne sapremo di più.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

Chiara Capaldi

Benessere familiare e welfare aziendale al centro del progetto ReFlex: protoganista...

Un programma articolato in più fasi, ideato dal Dipartimento per le politiche della famiglia e che vede il coinvolgimento di aziende nazionali. A coordinare...