HomeSenza categoriaUn'onda azzurra travolge Piana dei Mulini, Michele Iorio rianima il centrodestra. In...

Un’onda azzurra travolge Piana dei Mulini, Michele Iorio rianima il centrodestra. In quattrocento per la rinascita di Forza Italia

Un’iniezione di adrenalina per i moderati molisani. A Piana dei Mulini il cuore e l’anima del centrodestra: tanta gente comune e amministratori per il battesimo di Forza Italia. L’ex governatore avvia la rivoluzione: “Via i coordinatori autoreferenziali, dobbiamo farci portavoce dei cittadini”. Su Aldo Patriciello: “Basta ambiguità, non si può stare ovunque. E’ nel centrodestra ma con i cognati a sinistra”. Su Paolo Frattura e la sua maggioranza: “Il centrosinistra ci ha massacrato per 12 anni sui costi della politica, oggi si tengono bene stretti privilegi e indennità, ma si sono autosmascherati conl’aumento delle tasse ai cittadini”. Intanto Silvio Berlusconi su Facebook conferma: “Torniamo a Forza Italia”.

 

Una parte della platea azzurra a Piana dei Mulini Una parte della platea azzurra a Piana dei Mulini

CAMPOBASSO. “Senti il dolore, si scioglie nel tempo. Che scorre e che scivola via. Non resterò qui a guardare, ho già iniziato a viaggiare”. Piana dei Mulini 2, Michele Iorio sceglie Jovanotti per la cornice musicale dell’evento di Colle d’Anchise. E il suo viaggio, tra le bandiere di Forza Italia e la vegetazione della location, inizia dalla gente comune – tanti volti nuovi e curiosi -, per poi abbracciare gli amministratori e gli amici di sempre. Non servivano i numeri delle grandi occasioni, eppure ci sono stati: quattrocento persone, un capitale umano enorme da cui ripartire se si considerano la profonda e attualissima crisi della politica e il torpore che sembra attanagliare i partiti tradizionali. E quei numeri confermano che nel centrodestra Iorio si muove da leader carismatico. Lui c’è, è la politica a rincorrerlo. C’è poi la cocente sconfitta elettorale di febbraio che pesa, pesa ancora tanto. Dopo cinque mesi, in cui l’azione politica del centrodestra è stata praticamente assente, Michele Iorio è riusciuto a scuotere, rianimare e riaccendere il cuore dei moderati. L’ex governatore vuole compiere quella rivoluzione che, rimarca, “non ho saputo compiere nel passato”. Rimettere mano a metodi e sistemi, nel silenzio di questi mesi, Iorio immaginava già il percorso da intraprendere. Piana dei Mulini 2, un nuovo modello di centrodestra, l’appello a ritrovarsi, la risposta della sua gente.

 

ioriookMichele Iorio, che gioca da outsider, forse sentiva un bisogno fisico di tornare a parlare di politica, di riannodare i fili, di ricomporre i cocci e di “ridare un’anima al centrodestra”. E il centrodestra della gente comune era lì, questo il dato politico. “Bisogna finirla con i partiti autoreferenziali, con i coordinatori che decidono da soli e che si alzano la mattina dicendo: “Il Pdl ha deciso”. Quale Pdl? Il Pdl è qui”. E giù gli applausi della platea. Poi rilancia e invita: “Aiutatemi a costruire un nuovo partito, questa volta siete chiamati tutti a costruirlo insieme”. Si appassiona l’ex governatore quando parla dell’ex alleato Aldo Patriciello che “vuole stare nel centrodestra con i cognati nel centrosinistra“. “Bisogna fare chiarezza”, e giù altri applausi. “Quando ho parlato con Silvio Berlusconi, gli ho promesso che dal Molise gli avrei portato un prototipo di nuovo partito e questa giornata ha lo scopo di avviarne i lavori di costituzione”. Poi torna a precisare: “Non mi ricandiderò alla Regione, voglio – perché ne ho la responsabilità di non averlo fatto prima – contribuire a dar vita alla nuova classe dirigente“. Arrivano gli interventi dei big, Filoteo Di Sandro infiamma la folla e rilancia: “Michele Iorio è l’unico che ha avuto il coraggio di riunire il centrodestra dopo le recenti sconfitte”, Rosario De Matteis vuole contribuire, “mettendo a disposizione l’esperienza di molti anni”, al rinnovamento. Nicola Cavaliere – unico esponente della minoranza presente – strappa applausi e ottiene consensi quando accusa traditori e voltagabbana, “quelli che hanno ottenuto tutto da Michele” e rilancia le primarie di coalizione per il Comune di Campobasso. Poi la parola a sindaci, consiglieri comunali, giovani e donne. ioriosignoraStrette di mano, abbracci e sorrisi: riaffiora l’entusiasmo che da molti mesi mancava nel centrodestra fa notare più di qualcuno. L’inno di Forza Italia fa da sottofondo, poi Massimo Ranieri e ancora Franco Battiato. Infine la promessa: “Questa volta la rivoluzione la facciamo per davvero”. Piana dei Mulini, in sostanza, ha segnato una svolta e ha sottoscritto una conferma: Michele Iorio c’è. Da leader.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

Costruiamo il Paesaggio, Festival di arti per i 30 anni del...

Tanti eventi di qualità dal 23 al 28 agosto dentro e fuori il bellissimo Museo all'aperto di arte contemporanea di Casacalenda. Laboratori artistici presso...