Slittano a metà settembre le prime risposte sul caso dell’estromissione del direttore della Protezione Civile estromesso dal governatore Frattura

CAMPOBASSO. E’ in pieno svolgimento il dibatto fra la Regione Molise e l’architetto Giuseppe Giarrusso, direttore dell’Agenzia di Protezione Civile molisana. Lo hanno fatto sapere i legali Margherita Zezza e Giuseppe Ruta. L’udienza presso il tribunale di Campobasso è stata fissata al 10 settembre. Solo a seguito di tale data il giudice si riserverà di pronunziarsi a favore di una delle due parti. Per questo motivo è stata anche rinviata anche la trattazione del procedimento disciplinare conclusivo adottato dalla Regione nei confronti di Giarrusso. Ricordiamo infatti che l’architetto aveva presentato in data 10 giugno l’istanza di annullamento del provvedimento con il quale il Presidente della regione Molise, Paolo Frattura, lo aveva sospeso dalle funzioni; in seguito, lo scorso 3 agosto l’ex dirigente della Protezione Civile si era ripreso il suo posto in quanto il provvedimento era scaduto, essendo superati i due mesi di sospensione. La vicenda è quindi assolutamente ancora aperta e non riuscirà a concludersi prima del mese di novembre, in quanto il giorno 25 le parti si incontreranno nuovamente per discutere anche di un secondo procedimento disciplinare non ancora concluso. 

S.V.