HomeSenza categoriaUniversità del Molise choc: "Frattura cancella 22 milioni di euro per ricerca...

Università del Molise choc: “Frattura cancella 22 milioni di euro per ricerca e infrastrutture”

Consiglio di Amministrazione, Senato Accademico e Rettore dell’Università degli Studi del Molise all’unanimità contro Frattura e la sua Giunta: “Stupore e delusione, cancellato l’Accordo di Programma Quadro per ricerca e innovazione”. Vengono meno 15 milioni di euro destinati all’edilizia universitaria e 7 milioni di euro per la ricerca: “Vani tutti i tentativi di dialogo con il presidente della  Regione”. Sconcerto da parte di Michele Iorio: “Atto gravissimo e lesivo, pronto alla battaglia. Frattura recuperi immediatamente il dialogo con l’Ateneo, il suo ruolo gli impone di farlo”.

CAMPOBASSO. Non era mai successo prima, dalla fondazione dell’Università degli Studi del Molise nel lontano 1982. Un contrasto netto ed evidente: addirittura una seduta straordinaria del Senato Accademico e del Consiglio d’Amministrazione per bocciare – all’unanimità – l’operato di un Presidente della Regione e della sua squadra di governo. Un fatto oggettivamente raro, rarissimo.

Cancellato l’Accordo di Programma Quadro “Innovazione e ricerca universitaria”, tuonano senza mezzi termini i vertici dell’Ateneo molisano. “Profonda delusione e stupore nei confronti della Giunta della Regione Molise presieduta dall’arch. Paolo Di Laura Frattura è stata espressa all’unanimità dal Consiglio di Amministrazione dell’Università del Molise e condivisa altrettanto unanimemente dal Senato Accademico, presieduti dal Rettore Cannata, nella seduta straordinaria che si è tenuta oggi e nella quale è stata esaminata, in relazione alle indicazioni contenute nel Documento di programmazione triennale dell’Università, la situazione dell’Ateneo alla luce della Delibera di Giunta n. 362 del 26 luglio u.s., notificata con nota n. 3538/13 del 29 agosto 2013, con la quale la Giunta regionale ha cancellato il finanziamento di 22, 250 ml di euro destinati all’Università del Molise”, si legge nella nota stampa.

Si tratta del finanziamento concretizzatosi in un Accordo di Programma Quadro sottoscritto l’11 ottobre 2012 tra la Regione Molise, il Ministero dello Sviluppo Economico ed il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca dal titolo “Innovazione e ricerca universitaria”, APQ che prevedeva un investimento per 15,250 ml di euro destinato all’edilizia universitaria (con ricadute sull’economia e sull’occupazione edile), ma soprattutto un investimento di 7 ml di euro in attività di ricerca che avrebbero potuto attivare 62 posti di ricercatori e operatori della ricerca a tempo determinato, una risposta al fabbisogno di occupazione intellettuale così sentito nel Molise”, continua il documento.

Appare particolarmente grave che, mentre a livello internazionale, nazionale e di molte Regioni italiane l’investimento in capitale umano viene considerato come risposta alla crisi di sviluppo, in Molise si cancelli con tratto di penna una potenzialità per i giovani. Si vanifica in questo modo uno sforzo intrapreso, pur se non concluso, sin dal maggio 2010 con un paziente e tenace lavoro condotto sotto la guida del Rettore Cannata dal personale dell’Ateneo e con la collaborazione preziosa dei funzionari regionali, processo il cui avanzamento è stato rendicontato in molte occasioni pubbliche”.

Appare particolarmente grave che questa cancellazione abbia luogo nonostante i vani tentativi di dialogo intrapresi da mesi dagli Organi di rappresentanza dell’Università con il Presidente Frattura, nell’ottica della leale collaborazione tra le Istituzioni. Appare altrettanto particolarmente grave che il drastico taglio delle risorse e delle speranze di tanti giovani ricercatori abbia luogo utilizzando, per altre finalità di bilancio, le risorse del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione, strumento con il quale il Governo e le Regioni programmano interventi finalizzati al riequilibrio economico e sociale fra le diverse aree geografiche del Paese come infatti è accaduto con questo provvedimento. Il Consiglio di Amministrazione e il Senato Accademico ritengono corretto informare l’opinione pubblica di questo che costituisce uno dei più recenti episodi di disattenzione della Giunta regionale nei confronti dell’Università, riservandosi una più puntuale ulteriore valutazione delle motivazioni e degli effetti della cancellazione del finanziamento non solo nelle sedi ministeriali coinvolte. Il Consiglio e il Senato Accademico hanno fermamente auspicato altresì, una ragionevole riconsiderazione del provvedimento in questione da parte della Regione Molise. Il Consiglio e il Senato Accademico hanno espresso la convinzione che tali rilevanti aspetti saranno adeguatamente seguiti anche dal Rettore eletto alla luce della condivisione del ricordato Documento di programmazione strategico richiamato anche nel suo documento programmatico di candidatura”, termina così la denuncia pubblica dell’Ateneo molisano.

L’Università del Molise dà valore concreto al diritto allo studio perchè rende le facoltà accessibili anche a chi non andrebbe, non potrebbe andare troppo lontano. Certo, studiare non è più per tutti. Ma distruggere ciò che abbiamo con tanta leggerezza fa paura.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

Teatro a 1000 metri, il Rudens di Plauto in scena

Teatro a Mille metri, pubblico e consensi al ‘Sannitico’ di Pietrabbondante:...

Ospiti del sindaco Antonio Di Pasquo per la serata conclusiva con la commedia plautina 'Rudens' il Presidente Donato Toma e l'assessore Vincenzo Cotugno PIETRABBONDANTE. Si...