Domenica 8 il primo viaggio dell’anno turistico. Due i parchi nazionali attraversati, poi sosta a Isernia, che rivendica i natali del Santo eremita

ISERNIA. La Transita, società nata per gestire il percorso della Transiberiana d’Italia, ha riaperto la stagione dei viaggi. Dopo alcuni mesi di lavori di manutenzione sulla storica tratta Sulmona-Carpinone, da domenica 8 settembre partità il cosiddetto ‘treno di Celestino’, che attraverserà il parco nazionale della Majella, il parco nazionale Lazio-Abruzzo-Molise e la riserva naturale di Montedimezzo. Durante il percorso, mentre l’occhio si perde fra il verde e l’incantevole natura, i viaggiatori vivranno una vera festa itinerante condita da musiche e racconti popolari inscenati dai “Lu sole allavate”. Fra le varie degustazioni previste, sul treno sarà possibile anche sorseggiare la birra artigianale prodotta da “La fucina”, microbirrificio isernino. Nel capoluogo pentro sarà possibile pranzare presso l’osteria “O’ pizzaiuolo” e poi essere accompagnati a visitare il museo civico di piazza Celestino V e l’area archeologica del del Tempio della colonia latina di Isernia, sotto la catttedrale. In questo viaggio si potrà anche ammirare l’arte del merletto a tombolo del maestro Antonio Ricci, essendo tale evento collocato nel programma del “Settembre isernino”. La ripartenza è prevista per le ore 16 con una sosta a Palena, nel cuore del parco della Majella. Fino al 15 dicembre ci saranno poi altre tre viaggi con partenza da Sulmona e quattro con partenza da Isernia.