HomeSenza categoriaProvincia, approvato il Piano scolastico. E Mazzuto vuole l'Accademia delle belle arti...

Provincia, approvato il Piano scolastico. E Mazzuto vuole l’Accademia delle belle arti a Isernia

La riorganizzazione passa con 30 voti a favore, 5 contrari e 2 astenuti. Il presidente, intanto, propone di arricchire il territorio anche con due diversi istituti professionali: uno con indirizzo sociosanitario a Venafro, l’altro a Frosolone dedicato ad industria e artigianato

 

ISERNIA. La conferenza dei sindaci ha approvato il piano scolastico provinciale per il trienni 2014/2016. La conferenza si è svolta presso l’ente di via Berta con una votazione che ha visto 30 favorevoli, 5 contrari e 2 astenuti. Uno dei risultati più interessanti è sicuramente la dislocazione sul territorio di alcune direzioni, rimaste però invariate. La discussione adesso passa alla Regione, all’Anci e al Ministero della pubblica istruzione. Alla conclusione dell’incontro, il presidente della Provincia di Isernia Luigi Mazzuto ha voluto ringraziare tutti i sindaci e l’assessore Andrea Di Lucente per l’importanza e per la centralità svolta per far approvare tale piano. Il presidente ha proposto il potenziamento della formazione, avanzando la richiesta di un istituto professionale di stato con ‘indirizzo sociosanitario’ da localizzarsi a Venafro e un altro con ‘indirizzo industria e artigianato’ da localizzarsi a Frosolone per la lavorazione dell’acciaio e del legno e con la possibilità di attivare anche un ‘indirizzo liutaio’ per la costruzione di strumenti musicali. “Ogni regione – ha spiegato Mazzuto – ha istituito un’Accademia delle Belle Arti. Al momento, però, non esiste alcuna accademia nel territorio compreso tra L’Aquila, Frosinone e Foggia. Della costituenda struttura potrebbero, pertanto, beneficiare anche studenti dei centri limitrofi a Isernia, quali Campobasso, Chieti, Caserta e Benevento. Isernia, del resto, è sede di un prestigioso Liceo artistico statale e di corsi di laurea in Beni Culturali e di lauree magistrali in Archeologia, Beni Culturali e Turismo. Una valida base culturale e motivazionale, dunque, sulla quale poggiare le fondamenta di un’Accademia delle Belle Arti, nella quale si tengano anche corsi di restauro, pittura e fotografia. Le accademie statali in Italia – ha proseguito Mazzuto – ad oggi sono venti, mentre quelle legalmente riconosciute sono ventitré. Noi chiederemo l’autorizzazione per la ventunesima Accademia delle Belle Arti da localizzare a Isernia. Il Ministero della pubblica istruzione, a causa della mancanza di pianificazione degli enti, è stato costretto a sostituirsi a Comuni, Province e Regioni, con poteri commissariali che non hanno tenuto conto delle istanze locali e della funzionalità complessiva delle scuole. La Provincia di Isernia e il Molise intero – ha concluso il vertice di via Berta – hanno finalmente l’opportunità di riparare ai danni generati da questi ritardi con l’adozione di un proprio piano triennale di dimensionamento, dando certezze agli studenti, alle famiglie, alle comunità locali e al corpo docente”.

SV

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

Teatro a 1000 metri, il Rudens di Plauto in scena

Teatro a Mille metri, pubblico e consensi al ‘Sannitico’ di Pietrabbondante:...

Ospiti del sindaco Antonio Di Pasquo per la serata conclusiva con la commedia plautina 'Rudens' il Presidente Donato Toma e l'assessore Vincenzo Cotugno PIETRABBONDANTE. Si...