HomeREGIONEMonaco respinge le accuse e dice addio a Costruire Democrazia. Passerà in...

Monaco respinge le accuse e dice addio a Costruire Democrazia. Passerà in maggioranza?

Il Consigliere regionale replica al suo ormai ex movimento: “Il potere logora chi non ce l’ha” 

 

CAMPOBASSO. “Non sono sorpreso delle decisione adottate nell’ultima assemblea di Costruire Democrazia – ha affermato il consigliere Filippo Monaco – alla quale non ho partecipato perché impegni istituzionali mi hanno portato a Bruxelles. Ciò che mi colpisce è l’acredine con la quale si fa riferimento alla mia persona, facendo passare per critica politica quello che, in realtà, non è altro se non un attacco personale”. “Il potere logora chi non ce l’ha”, ironizza l’ormai ex esponente CD.  “Vengo accusato di non aver rispettato l’impegno elettorale del dimezzamento delle indennità e persino di non aver rinunciato al fondo per il portaborse. La seconda è una bugia plateale perché dal mese scorso l’importo dell’art.7 è sparito dalla mia busta paga, come da richiesta di sospensione regolarmente protocollata. Per quel che riguarda le altre indennità ho già ricordato che abbiamo eliminato il rimborso chilometrico, i gettoni di presenza ed il vitalizio. A conti fatti, per quel che mi riguarda, significa che le mie attuali indennità si sono ampiamente ridotte, con la certezza di non pesare sulle casse delle Regione quando il mio mandato elettorale sarà terminato. Non voglio più tornare sull’argomento perché odio ripetermi e perché non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. E’ d’altronde stupefacente che questa “fondamentale” battaglia sulla riduzione delle indennità veda tra i suoi più accesi sostenitori persone che beneficiano del vitalizio, anche sotto forma di reversibilità, dimentichi di non aver rinunciato a nulla durante il proprio mandato”. Infine l’addio al movimento con cui è stato eletto: In Costruire Democrazia credevo di aver trovato l’opportunità di affrontare la politica in modo diverso, lontano da personalismi e ambiguità. Se così non è, se le mire del movimento sono altre e vanno in direzione di cumuli di incarichi, orientamento verticistico e assenza di confronto sulle tematiche di natura politica allora è vero che i nostri principi diventano non condivisibili”.

Adesso, anche in considerazione della guerra Lattanzio – Niro e degli evidenti problemi nati in questi mesi all’interno della maggioranza, sarà interessante capire quale sarà la nuova collocazione politica di Filippo Monaco e se (anche in previsione di un eventuale passaggio all’opposizione dell’esponente Udeur) deciderà di trasferirsi ufficialmente nella coalizione guidata dal Presidente Frattura. 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

La lunga notte degli artisti di strada, il 13 agosto ‘Termoli...

Spettacoli itineranti, musica, mangiafuoco e un laboratorio di danza in programma, nel borgo e sul mare TERMOLI. Un’intera serata dedicata agli artisti di strada. Le...