HomeNotizieCRONACAEcomafia, Isernia come la Terra dei fuochi: dichiarazioni choc del pentito Schiavone

Ecomafia, Isernia come la Terra dei fuochi: dichiarazioni choc del pentito Schiavone

 Il cugino del boss Sandokan, nel 1997, profetizzò: in vent’anni tutti morti di cancro. E Musacchio (Co.re.a.) propone l’istituzione di una Commissione regionale sui rifiuti tossici in Molise 

 

ISERNIA. Il Molise, dal Matese alla provincia d’Isernia, avvelenato dai veleni dei Casalesi. Dopo 16 anni, sono state desecretate ieri le dichiarazioni del pentito Carmine Schiavone in audizione di fronte alla Commissione parlamentare per le Ecomafie. Parole che fanno accapponare la pelle, conosciute soltanto oggi. E che hanno provocato l’immediata reazioe di Vincenzo Musacchio, presidente della Co.re.a., la Commissione regionale anticorruzione. “Il pentito e cugino del boss dei Casalesi Carmine Schiavone – dichiara Musacchio in una nota – racconta l’avvelenamento di vari territori e i profitti del business dell’ecomafia degli ultimi venti anni. Rivelazioni contenute nella sua audizione del 1997 alla Commissione parlamentare d’inchiesta sul ciclo rifiuti. Quello che abbiamo potuto leggere sono parole che mettono i brividi, che lasciano esterrefatti e senza fiato.

Carimen Schiavone (foto dal sito di Sky tg 24)
Carmine Schiavone (foto dal sito di Sky tg 24)

Il pentito dei Casalesi, davanti alla Commissione ecomafie, in una audizione i cui verbali sono stati desecretati, e quindi oggi pubblici, afferma che rifiuti tossici e radioattivi“si trovano anche in terreni del territorio molisano. Alla testuale domanda delpPresidente della Commissione Ecomafia Scalia sul Molise ‘L’attività (parliamo di interramento di rifiuti tossici) si svolgeva fino a Latina? E ad est? Nella zona del Matese? In Molise?’ Schiavone risponde così: ‘Si quella era una zona di nostra influenza’. ‘Quale?’, chiede il presidente, e Schiavone risponde: “Tutto il Matese fino alla zona di Benevento... Fino al 1992 noi arrivavamo come clan nel Molise fino ad Isernia e zone vicine. Non so cosa è accaduto dopo…. Sappiamo che fanghi nucleari arrivavano su camion provenienti dalla Germania’. Nel business del traffico dei rifiuti, secondo il pentito, erano coinvolte diverse organizzazioni criminali – mafia, ‘ndrangheta e Sacra Corona Unita – tanto da fare ipotizzare che in diverse zone di Sicilia, Calabria, Molise e Puglia, le cosche abbiano agito come il clan dei Casalesi. Il Molise, dunque, rientra in quelle zone ad altissimo rischio. I veleni, quindi, non venivano nascosti solo in Campania: rifiuti tossici, a suo dire, sono stati interrati in tutti i territori menzionati, anche in Molise e non solo nella zona di Isernia ma anche in quella del Basso Molise. Tutti questi particolari finalmente li conosciamo oggi grazie ad un prezioso documento reso pubblico. Noi crediamo che si tratta di un atto dovuto, anche se arrivato con grandissimo ritardo, ai cittadini delle zone interessate devastate da una catastrofe ambientale cosciente e premeditata. Cittadini che oggi hanno tutto il diritto di conoscere quali crimini siano stati commessi ai loro danni per poter esigere la riparazione possibile ed evitare conseguenze letali per la propria salute. E’ anche un loro sacrosanto diritto conoscere se ci sono state complicità da parte della classe politica e individuarne i responsabili. A questo proposito la Commissione Regionale Anticorruzione come organizzazione per la tutela dei diritti dei cittadini chiede a gran voce la istituzione di una Commissione Regionale sui Rifiuti Tossici in Molise che cominci ad operare al più presto nel nostro territorio per conoscere e scoprire gli esatti luoghi dove eventualmente possono essere sotterrati rifiuti tossici altamente nocivi per la salute dei molisani. Credo che a questo appello il presidente Frattura non possa rimanere silente. Aspettiamo quindi da lui una seria ed efficace risposta alla nostra richiesta. Sempre pronti a collaborare per il bene dei cittadini molisani”.

    Vincenzo Musacchio – Presidente Commissione Regionale Anticorruzione del Molise 

 

L’audizione desecretata di Schiavone del 7-10-97:

 

[gview file=”http://www.isernianews.it/wp-content/uploads/2013/11/carmine-schiavone.pdf” height=”600px” width=”690px”]

 

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

Teatro a 1000 metri, il Rudens di Plauto in scena

Teatro a Mille metri, pubblico e consensi al ‘Sannitico’ di Pietrabbondante:...

Ospiti del sindaco Antonio Di Pasquo per la serata conclusiva con la commedia plautina 'Rudens' il Presidente Donato Toma e l'assessore Vincenzo Cotugno PIETRABBONDANTE. Si...