Nel mirino del movimento del presidente Condidorio gli atti della Giunta regionale e le recenti nomine di vertice