HomeSenza categoriaCampobasso, in cinque a caccia della poltrona di sindaco

Campobasso, in cinque a caccia della poltrona di sindaco

Diciotto liste presentate e 513 candidati consiglieri, di cui solo 32 saranno eletti alle votazioni del prossimo 25 maggio. Molti nomi nuovi alla politica riempiono gli elenchi depositati questa mattina presso la segreteria del Comune. Numerose anche le donne, nonostante nessuna candidata a sindaco


CAMPOBASSO. Sono cinque  gli aspiranti alla carica di sindaco in corsa per le comunali di Campobasso: Antonio Battista, Michele Scasserra, Gino Di Bartolomeo, Pino Saluppo e Roberto Gravina. Si voterà il prossimo 25 maggio e gli elettori potranno scegliere tra ben 18 liste e 513 candidati consiglieri, di cui solo 32 saranno eletti. Molti nomi nuovi alla politica riempiono gli elenchi depositati questa mattina, 26 aprile, presso la segreteria del Comune. Numerose anche le donne, nonostante nessuna sia candidata alla carica di sindaco. La professoressa Adriana Izzi decide, alla fine, di non partecipare alla competizione: “In un panorama così organizzato – ha commentato – dove chi gestisce e decide è una casta, una ‘cupola’ che si sposta da una parte all’altra, il nostro metodo, fatto di serietà, proposte e condivisione, non avrebbe prodotto risultati. Continueremo a lavorare fuori dall’aula”.

Questo, dunque, in breve lo scenario che si è definito nel corso della giornata di oggi. Undici delle liste a seguito dei cinque candidati sindaci sono a sostegno del favorito Antonio Battista, quattro quelle per Michele Scasserra e una per ognuno degli altri sfidanti, tanto che c’è chi parla di partita già decisa.

Molti nomi inclusi nelle liste a sostegno del vincitore delle primarie di centrosinistra, Battista, provengono clamorosamente dal centrodestra (An, Pdl e Udc). Suscita stupore il caso dell’ex assessore alla Mobilità Nicola Cefaratti, unico ‘transfugo’ (nell’Idv) escluso dallo stesso Battista, che però non ha negato l’ingresso nella coalizione a Pasquale Colarusso e Stefano Ramundo (entrambi ex fedelissimi del sindaco uscente Gino Di Bartolomeo). Ma a cambiare ‘casacca’ non sono solo gli ex fedeli di Big Gino: nella lista presentata proprio da Di Bartolomeo vi sono diversi nomi che provengono dal centrosinistra e che ora sostengono la sua ricandidatura a sindaco. A riempire la lista di Forza Italia, tuttavia, sono in gran parte membri dell’amministrazione uscente.

Non c’è la lista di Costruire Democrazia di Massimo Romano, che spera in una depurazione “da ignobili ipocrisie e falsi moralisti”. Il suo ex compagno, Michele Durante, si presenta con la lista Lab a sostegno di Antonio Battista. Infine, la lista di Sel perde il nome di Bibiana Chierchia, che si candida con il Pd perdendo il sostegno della formazione che l’ha sostenuta alle Primarie, facendole conquistare il secondo posto.

Più letti

Turismo da rilanciare: il Molise protagonista della ITB di Berlino

Dal 1966 la fiera rappresenta storicamente uno degli eventi più importanti per la promozione e la valorizzazione dei territori CAMPOBASSO. Turismo da rilanciare: il Molise...
spot_img
spot_img
spot_img