HomeSenza categoria"Battista ha copiato il programma elettorale", rivelazione choc di Michele Scasserra

“Battista ha copiato il programma elettorale”, rivelazione choc di Michele Scasserra

 CAMPOBASSO. Carta canta, come si suol dire. Il candidato del Polo Civico Michele Scasserra  ha convocato  una conferenza stampa per quella che ha tutti i numeri per essere una vera bomba elettorale, pronta ad esplodere e a creare scompiglio in una competizione finora partita piuttosto in sordina nel capoluogo. In realtà già è esplosa, perché Scasserra ha mostrato alla stampa quelle che definisce prove appunto inconfutabili. Perché leggere le linee programmatiche di Antonio Battista – con le quali si presenta in veste ufficiale nella sua qualità di candidato sindaco del centrosinistra – è come leggere il discorso di insediamento di ben tre sindaci del Nord Italia: un copia e incolla fedele, interi paragrafi neanche riadattati, ma soltanto ‘appiccicati’ con una superficialità davvero imbarazzante per chi si candida ad amministrare la città capoluogo di regione. Anche il programma elettorale di Battista, poi, quello in cui si annuncia cosa fare per Campobasso, avrebbe preso più di qualche spunto – nel voler usare un eufemismo – da altrettante tre fonti e da altrettanti candidati sindaci del Nord: Ivano Rozzi (Giustenice, in provincia di Savona), Concettina Monguzzi (Lissone, provincia di Monza) e il sindaco di Rivolon (Padova). Il materiale ‘incriminato’ è stato consegnato ai giornalisti e a quanto pare non ci sarebbero dubbi: di originale, il programma del centrosinistra, avrebbe davvero poco. Quasi nulla, a dire il vero. “Battista chieda scusa ai cittadini – ha dichiarato Scasserra – “per aver copiato interi stralci di programma, di realtà comunali completamente diverse da Campobasso, e averli incollati nel suo”.  Adesso la palla passa al diretto interessato, come si difenderà?

Intanto, anche il senatore del Nuovo centrodestra, Ulisse Di Giacomo,  prende posizione. “Che Battista abbia copiato il programma oppure il suo discorso elettorale è un fatto grave per tutta una serie di motivi”, afferma. “E’ grave – continua – perchè denota una assoluta mancanza di rispetto verso il capoluogo di regione, che meriterebbe un programma amministrativo vero per svolgere il suo ruolo di città-Regione. E’ grave perchè un candidato sindaco di una città importante come Campobasso non può non saper scrivere una sua proposta per i prossimi cinque anni di mandato. E’ grave perchè dietro un programma copiato, dietro una coalizione che di centrosinistra ha solo il nome, dietro un’ammucchiata che rincorre solo il potere, c’è una totale assenza di proposta e di iniziativa, c’è il vuoto assoluto di un disegno che è fotocopia di quello messo in scena in Regione e che porterà alla scomparsa del Molise. La città di Campobasso, francamente, meriterebbe di più. Battista chieda scusa e si nasconda per il resto della campagna elettorale”, conclude l’esponente del partito di Alfano in Molise.

 

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

Campobasso, un ‘murale’ per la Polizia: l’opera dei ragazzi del liceo...

Il risultato del progetto di alternanza scuola-lavoro svolto dagli studenti nel corso dell’anno. Ieri la visita del direttore della Scuola Allievi ai giovani artisti CAMPOBASSO....