Trovati dietro i mobili nell’abitazione dei due fratelli dieci buoni fruttiferi risalenti agli anni Novanta il cui valore è oggi notevolmente cresciuto