HomeREGIONELavoro, quando coltivare un hobby può aprire nuove strade professionali

Lavoro, quando coltivare un hobby può aprire nuove strade professionali

CAMPOBASSO. La disoccupazione giovanile è un problema nazionale e il Molise purtroppo è una delle regioni in cui il fenomeno si presenta con più forza. Anche una recente statistica de Il Sole 24 Ore ha posto i due capoluoghi molisani in fondo alla classifica nazionale 2014 per le nuove assunzioni, con Isernia proprio all’ultimo posto. Come al solito i giovani sono i più penalizzati, ma per tutti la situazione non è semplice e nei momenti più difficili diventa fondamentale riuscire a valorizzare le proprie capacità, soprattutto quando queste sono legate a passioni personali. Anche un hobby, infatti, se ben coltivato e messo a frutto, può diventare un modo per arrotondare lo stipendio (se c’è) o anche reinventare la propria vita e fare del proprio passatempo un lavoro. Abbiamo qui riunito alcuni hobby che più facilmente possono essere convertiti in una occasione di guadagno o addirittura in una professione a tempo pieno.

Dog Sitter

La passione per gli animali e per i cani in particolare può essere trasformata nel lavoro di dog sitter. L’esperienza acquisita curando i propri animali può diventare facilmente una professione, tanto più che non essendoci bisogno di una specifica certificazione, di fatto chiunque può diventare dog sitter. Esistono tuttavia associazioni che rilasciano speciali abilitazioni che certificano la preparazione professionale del dog sitter, così come corsi di formazione che approfondiscono tematiche relative alla zooantropologia e al benessere animale. Insomma, aggiungendo alla propria passione una buona preparazione, la professione di dog sitter è alla portata di molti.

Personal shopper

A tantissime persone piace fare shopping, anche se può diventare una passione molto costosa. L’ideale, ovviamente, sarebbe poter spendere il denaro di altre persone, e qualcuno è in effetti riuscito in questa impresa non proprio impossibile, quella cioè di lavorare come personal shopper. La capacità di acquistare abiti perfetti per ogni situazione, abbinarli con gusto, trovare accessori davvero particolari può diventare un lavoro e per di più ben pagato. In questo caso bisogna investire molto nella promozione delle proprie capacità di personal shopper, farsi conoscere sui social media, magari diventare fashion blogger e portarsi sempre dietro qualche biglietto da visita con i propri contatti.

Giocatore di poker sportivo

Il poker, come altri giochi di carte, è la passione di molti italiani, che magari si ritrovano a farsi una partita tra amici la sera o giocano gratis su internet. I più bravi tentano poi la scalata, iscrivendosi a tornei di poker sportivo, in cui cioè si paga la sola iscrizione all’evento. Per avere successo nei tornei non basta tuttavia una “innata” bravura accompagnata dall’esperienza, occorre anche molto studio e conoscenza della statistica e in questo modo si può diventare campioni e fare del poker una vera e propria professione. Come è successo al molisano Massimo Nicola Pellegrino, di Campobasso, che lo scorso luglio ha vinto il primo premio all’Italian Poker Tour di Saint Vincent, un prestigioso torneo internazionale organizzato da Poker Stars. Si tratta per ora del più grande successo del ventiseienne molisano, che potrebbe confermare presto il suo talento in altri tornei.

Fotografo

Tra tutti gli hobby elencati finora, quello del fotografo è probabilmente il più tradizionale, e forse con il mercato meno facile. Eppure ancora oggi il la passione per la fotografia può dare grandi soddisfazioni. Fare foto è diventato più semplice, per cui ancora più della “tecnica” è divenuta oggi importante la creatività. È più facile farsi conoscere grazie ai social di settore (come Flickr), ma non bisogna sottovalutare l’importanza di far parlare di sé a livello locale, partecipando a mostre, eventi e magari offrendo i propri servizi e foto ad attività locali che possono essere una ottima vetrina e una fonte importante di passaparola.

Questi sinora elencati sono solo alcuni esempi, ogni individuo in fondo ha le proprie passioni e sicuramente anche altri hobby possono fornire interessanti opportunità di guadagno. È sempre importante ricordare che la transizione da hobby a professione è un momento delicato da gestire, non solo dal punto di vista burocratico, ma anche personale: il proprio passatempo preferito diventa in questo modo una attività impegnativa, per cui diventa fondamentale riuscire a mantenere la stessa passione in un lavoro a tempo pieno.

     

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Cammini di Fede, in Molise censiti Cercemaggiore e Castelpetroso

Per un turismo esperienziale e di qualità: la soddisfazione dell'Ufficio pastorale turismo sport CAMPOBASSO-ISERNIA. L’Ufficio Nazionale della Pastorale del Turismo della Conferenza Episcopale Italiana ha...