HomeSenza categoriaProtezione Civile smantellata, i precari contro Ciocca: "Compiuta macelleria sociale"

Protezione Civile smantellata, i precari contro Ciocca: “Compiuta macelleria sociale”

Rabbia e disperazione da parte di decine di famiglie molisane: “L’unico interesse di chi ci governa è mantenere la poltrona che frutta 11 mila euro al mese”.

 

CAMPOBASSO. “Cosi come avevamo purtroppo previsto, dall’ennesimo confronto tra Regione Molise e Organizzazioni Sindacali Confederali non è emerso nulla di positivo in merito alla vertenza Protezione Civile che interessa 100 vincitori di concorso che da otto mesi sono senza lavoro e in preda alla disperazione aggravata dall’insopportabile immobilismo del governo regionale. Ci lascia sbigottiti l’arroganza di chi ha deciso che i lavoratori e le lavoratrici della Protezione Civile non meritano rispetto e considerazione. Esiste un verbale di intesa firmato a febbraio scorso in Prefettura dal vice Presidente della Regione Molise, dalla deputazione parlamentare e dalle Organizzazioni Sindacali, che prevedeva che tutti e 200 i lavoratori vincitori di concorso dovessero avere garantita una continuita’ di lavoro e reddito per tre anni, incredibilmente sconfessato dagli stessi che quel verbale lo avevano sottoscritto e sbandierato alla stampa. In aggiunta un consigliere regionale delegato alla Protezione Civile che gode nel vedere 100 famiglie cadere in preda alla disperazione e per questo motivo non ha inteso trovare una soluzione positiva alla vertenza. Il tempo per agire c’era e in abbondanza ma non e’ stato sfruttato da chi doveva trovare soluzioni! Un consigliere regionale che gioca a fare il pubblico ministero e che in futuro verra’ ricordato per aver per aver raggiunto un traguardo da guinnes dei primati: lo smantellamento in tempi record del sistema di Protezione Civile del Molise e la macelleria sociale compiuta ai danni di centinaia di famiglie.

Evidentemente l’unico interesse del consigliere Ciocca e’ conservare la poltrona che gli frutta 11 mila euro al mese e gli permette di condurre una vita di lusso, in barba alla crisi sociale devastante che attanaglia il Molise e ruba il sonno alla stragrande maggioranza dei cittadini molisani. Se queste persone pensano che siamo rassegnati si sbagliano di grosso. Non gli daremo certo questa soddisfazione. Se la nostra vertenza non dovesse trovare una soluzione in tempi celeri andremo in tutte le sedi possibili pur di difendere i nostri diritti e tutelare la nostra dignita’ barbaramente tradita”

Precari Protezione Civile del Molise

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Unimol, Michela Nista la prima specializzata medica in Patologia e Biochimica...

Per la dottoressa già un incarico a tempo indeterminato all’ospedale ‘Veneziale’ di Isernia CAMPOBASSO. Pochi giorni fa Michela Nista, molisana, nata e residente a Isernia,...