HomeSenza categoriaDi Giacomo a gamba tesa su Ruta e Frattura: "Si lasciano fotografare...

Di Giacomo a gamba tesa su Ruta e Frattura: “Si lasciano fotografare come divi dopo aver distrutto il Molise”

La nota del senatore del Nuovo Centrodestra Ulisse Di Giacomo: “Al ridicolo non c’è mai fine”

 

CAMPOBASSO. “Quello che sta succedendo in Molise ha dell’incredibile. Al di là della illegalità fatta Istituzione, di conflitti di interesse grandi come una casa che ormai provocano solo nausea e di connivenze consolidate, ci sono due aspetti di fatti recenti che lasciano esterrefatti. Esponenti di primo piano della Sinistra, che hanno praticamente distrutto questa Regione, provocato disoccupazione e miseria, generato una economia da dopo guerra, annunciano “urbi et orbi” i Dieci Comandamenti per far ripartire il Molise. E sapete di cosa parlano? Della Sanità, dopo averla svenduta ai privati e aver azzerato l’assistenza sanitaria pubblica; della super strada a 4 corsie, dopo aver perso i fondi per la costruzione dell’Autostrada Termoli – San Vittore; della GAM, della Ittierre, dello Zuccherificio, dopo averli chiusi e aver gettato in strada migliaia di lavoratori; della revoca delle concessioni per le centrali a biomasse, dopo una vergognosa marcia indietro imposta da migliaia di cittadini che li hanno rinchiusi nel Palazzo; dell’area di crisi e di centinaia di falsi tavoli aperti per non decidere nulla. E tutto questo, da loro stessi provocato, dovrebbe trovare soluzione entro dicembre, tra abeti illuminati e canzoncine di Natale.

E’ proprio vero che al ridicolo non c’è mai fine. Ma la cosa più inquietante è che il futuro economico, sanitario, industriale, ambientale, culturale del Molise, secondo questi personaggi, lo dovrebbero decidere loro due, Frattura e Ruta, che ormai a giorni alterni come divi si lasciano fotografare su un marciapiede. Qualcuno, preoccupato, ritiene questo atteggiamento un affronto alla democrazia e agli organi istituzionali, alla delegazione parlamentare, alla giunta e al consiglio regionale, ai partiti, alle organizzazioni sindacali, agli enti locali, e chi più ne ha più ne metta. Pensarlo , sarebbe come dare loro importanza. Io, invece, penso si tratti di una grossa presa in giro dei cittadini e di una farsa che rende comica una situazione che invece è tremendamente tragica”.

Sen. Ulisse di Giacomo

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Cammini di Fede, in Molise censiti Cercemaggiore e Castelpetroso

Per un turismo esperienziale e di qualità: la soddisfazione dell'Ufficio pastorale turismo sport CAMPOBASSO-ISERNIA. L’Ufficio Nazionale della Pastorale del Turismo della Conferenza Episcopale Italiana ha...