Il segretario regionale del Pd non scarica apertamente i dissidenti ma giura di lavorare per la concordia e la riconciliazione tra le diverse posizioni