HomeSenza categoriaTotaro ribatte a Fanelli: "Strano modo, il suo, di trovare unitarietà"

Totaro ribatte a Fanelli: “Strano modo, il suo, di trovare unitarietà”

CAMPOBASSO. “Ho ascoltato dai media locali le dichiarazioni rilasciate dal segretario del Partito Democratico molisano Micaela Fanelli, nella conferenza stampa convocata stamane e a cui hanno partecipato anche alcuni vertici della segreteria. Ebbene, dalle prime battute sembrava che il vero intento fosse davvero quello di fare sintesi tra le varie idee che ultimamente sono presenti nel nostro gruppo, al fine di rafforzare il nostro partito e favorire una fase di ripresa. Purtroppo, però, l’idillio è durato solo alcuni minuti, ossia fin quando il nostro segretario ha ben pensato di attaccare frontalmente la delegazione parlamentare del nostro (e suo) partito e il sottoscritto. Per quanto mi riguarda, negli ultimi 15 anni di puntuale e riconoscibile militanza in questa area politica, ho sempre mantenuto una posizione lineare, chiara e orientata alla ricerca delle soluzioni ai problemi della comunità. In questi mesi appena trascorsi, periodo in cui le difficoltà economiche sono cruccio di tutta la classe dirigente, ho provato, spesso riuscendoci, a fare da collegamento tra Giunta regionale, il Consiglio e rappresentanti della maggioranza che fanno parte della coalizione. Un lavoro, quello svolto dalla cabina di regia, che fino ad oggi ha portato a dei risultati in termini di coinvolgimento e unitarietà di tante persone, coinvolte a vario titolo.
Sulla questione legata alla sanità, invece, così come su qualche specifica vertenza, mi sono trovato in disaccordo con il presidente Frattura e non ho avuto problemi ad assumere una posizione diversa e critica, ma non di opposizione. Il tutto senza mai alzare i toni della discussione, senza preclusioni od ostracismi. Questo atteggiamento estremamente politico e non personale, a mio modestissimo avviso, non comporta la necessità o l’obbligo di dimettermi da capogruppo del mio partito e tanto meno non credo possa essere motivo di allontanamento da parte della segreteria. Dunque, se il vero intento è quello di fare squadra, credo che prima di parlare di dimissioni o fuoriuscite bisognerebbe riflettere con attenzione e agire da trait d’union. Gli ultimatum o qualche velata minaccia non portano a nulla e la storia lo insegna, anche perché Micaela Fanelli è il segretario del partito e io sono il capogruppo in Consiglio regionale, ruoli distinti e separati che devono rispettarsi reciprocamente e senza ingerenze. Dunque Micaela Fanelli, dall’alto del ruolo che ricopre, si occupi di convocare gli organi di partito all’interno dei quali discutere di problemi ben più seri di chi ha firmato cosa, argomento marginale rispetto alla sanità pubblica o alla crisi occupazionale che il Molise sta vivendo e lo faccia sempre tenendo a mente che il nostro partito è democratico e se qualcuno ha idee diverse su una questione, non deve temere di essere cacciato. Questo succede altrove e non credo che alcuno sia nella posizione di poterlo fare nel Pd molisano”.

Francesco Totaro
Capogruppo Pd in Consiglio regionale

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti