L’artista isernino avvia una battaglia contro il disinteresse delle istituzioni per i beni culturali della città e invita Sgarbi e Daverio sul posto per un sopralluogo, previsto entro fine estate