HomeNotizieCRONACAEsce per funghi e smarrisce la strada: ritrovato dal Soccorso alpino

Esce per funghi e smarrisce la strada: ritrovato dal Soccorso alpino

ISERNIA. Si è conclusa a lieto fine la disavventura di un 36enne cercatore di funghi di Sant’ Agata dei Goti (Caserta), disperso stamani nei boschi di Bojano.

Il ragazzo era partito nelle prime ore della giornata in località S. Maria di S. Polo Matese, per dedicarsi alla raccolta di funghi. Dopo diverse ore di cammino attraverso il territorio impervio dei boschi della zona, si è reso conto di aver perso l’orientamento. Dopo numerosi tentativi di ritrovare la via del ritorno, invano, ha deciso di chiedere aiuto. Fortunatamente, mediante il suo telefono cellulare, verso le 09:30 circa, ha contattato il 118 il quale, trattandosi di territorio montuoso, e in ottemperanza alle procedure operative definite in tali ambienti, ha immediatamente allertato il Corpo nazionale di Soccorso Alpino e speleologico, che ha inviato una squadra di tecnici sul posto. Dopo circa due ore di ricerca, il giovane raccoglitore di funghi è stato individuato e raggiunto in località Acerone, nella zona montuosa limitrofa a Boiano. È apparso in buone condizioni di salute, anche se alquanto provato dalla disavventura. Sul posto erano presenti anche i carabinieri del Comando stazione di Bojano.

Il Cnsas dimostra, dunque, con il quinto intervento in poche settimane, come in un territorio impervio come quello molisano sia indispensabile poter disporre di risorse e mezzi dedicati al soccorso in ambiente montano.

E’ dal 2013 che la Regione Molise si è impegnata a dotarsi di una legge che consentirebbe al Soccorso alpino di ottenere risorse per lo svolgimento dei propri compiti istituzionali, così come avviene in tutte le Regioni d’Italia dando man forte al già provato sistema di emergenza urgenza territoriale molisano. Tale strumento normativo, che scaturisce da una mozione approvata a maggioranza dal Consiglio regionale il 10 settembre 2013, e che, inspiegabilmente, a tutt’oggi ancora non intraprende il suo iter legislativo, permetterebbe alla nostra Regione di garantire un servizio efficiente e, peraltro, definito dalle normative vigenti, in materia di pubblico soccorso.

È auspicabile che al più presto la legge possa essere approvata per il bene dell’intera collettività.

 

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Museo dei Misteri di Campobasso

Giornate Fai d’autunno: ecco i luoghi aperti in Molise

La manifestazione di scena sabato 15 e domenica 16 ottobre CAMPOBASSO. tutto pronto per l’11esima edizione della Giornate FAI (Fondo Ambiente Italiano) d’Autunno. Sabato 15...