HomeSenza categoriaRiforma elettorale, il comitato Donne e politica: “No al modello del centrosinistra”

Riforma elettorale, il comitato Donne e politica: “No al modello del centrosinistra”

Il movimento rilancia una proposta basata su: due collegi, la preferenza di genere e il voto disgiunto


ISERNIA. Anche il Comitato ‘Donne e politica’ si inserisce nel dibattito sulla riforma della legge elettorale regionale. E respinge la proposta del centrosinistra, rivendicando maggiore rappresentanza per l’area pentra, sostenendo la preferenza di genere e bocciando l’abolizione del voto disgiunto. “La riforma della legge elettorale deve essere tarata sulle esigenze dei territori – si legge in una nota stampa – e la provincia di Isernia ha il diritto di avere la rappresentanza dovuta, parametrata al numero dei residenti all’interno dell’assise legislativa. Riteniamo dunque che, se da un lato tre collegi ridurrebbero la regione ad una sorta di elezione di quartiere, il collegio unico al contrario non permetterebbe ai rappresentanti della Provincia di Isernia di poter competere vista la sproporzione rispetto al territorio della provincia di Campobasso. Quindi sì a due collegi di Campobasso e Isernia.

Ovviamente non può mancare, in tale riforma, – ancora la nota – il voto di genere per riequilibrare le rappresentanze di genere all’interno del Consiglio regionale che da molti può essere visto come un escamotage per rispondere alla sotto rappresentazione delle donne nelle istituzioni pubbliche, ma in realtà è una necessità che nasce dalla mancanza di cultura di valorizzare le donne in un settore rinomatamente chiuso e maschilista. La speranza è che questa opportunità porti in politica un maggior numero di donne che abbiano così modo di dimostrare che sanno lavorare come e, forse, meglio degli uomini fino a far diventare normalità la presenza del genere femminile nelle istituzioni. Ultimo punto affrontato dal Comitato: l’eliminazione del voto disgiunto. “Inaccettabile – recita il comunicato – La stessa Costituzione italiana mostra una chiara preferenza per l’elezione diretta. Non si può accettare il voto congiunto e lasciare poi che il presidente della Giunta regionale non risponda ai suoi consiglieri per ogni suo atto dal momento che viene eletto al traino dei voti dei candidati alla carica di consigliere. Eliminare il voto disgiunto sarebbe una limitazione dell’elezione del presidente a suffragio universale. Concordiamo invece sull’eliminazione del listino maggioritario anche se, a livello nazionale, con le così dette liste bloccate, si va in tutt’altra direzione. Si spera che i consiglieri regionali tengano conto delle esigenze che provengono dal di fuori del palazzo – conclude la nota – e diano vita ad una riforma condivisa dentro e fuori l’istituzione”.  

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

Carpinone celebra San Rocco: tornano i giochi popolari e la gara...

Appuntamento domenica 14 e lunedì 16 agosto per una due giorni di divertimento e spettacolo CARPINONE. Tornano i giochi popolari in piazza a Carpinone. Dopo...