HomeSenza categoriaLa ricetta per uscire dalla crisi? "Nessun aiuto, ma governanti capaci di...

La ricetta per uscire dalla crisi? “Nessun aiuto, ma governanti capaci di programmare il futuro”

Termoli/ La congiuntura economica vista dagli imprenditori: intervista a Dante Cianciosi, da 36 anni sul mercato dell’edilizia e non solo


di Alessandro Corroppoli

TERMOLI. Una delle aziende più fiorenti nel settore del commercio e della vendita di materiali per l’edilizia e per la casa è la Cianciosi srl. Sul mercato da 36 anni, è situata all’interno del Nucleo industriale termolese. Con il suo titolare, Dante Cianciosi, abbiamo disquisito di crisi industriale, di aiuti alle imprese e di come si è sopravvisuti e usciti dalla crisi.

Entriamo subito nel merito. Cianciosi, la crisi è alle spalle?

“Stiamo vivendo una nuova epoca figlia della crisi stessa, quindi non so dirle se la crisi è alle spalle. Come classe imprenditoriale abbiamo vissuto tre anni davvero difficili, dove regnava il terrore che tutto potesse finire da un momento all’altro: c’era tanta liquidità a disposizione ma la paura frenava ogni progetto e investimento. Oggi abbiamo capito che la crisi ci ha catapultato in un’altra epoca, diversa, dove bisogna avere un concetto nuovo d’impresa in cui qualità del prodotto, velocità di consegna, innovazione tecnologica e personale qualificato sono i capisaldi”.

La sua azienda tratta e commercializza dai materiali per l’edilizia agli arredamenti per bagno, passando per il legno e il ferro, per finire alla segnaletica stradale e antinfortunistica. Quale il settore che ha più risentito della crisi?

“Sicuramente i materiali per l’edilizia: vi è stato un calo vertiginoso delle vendite e del fatturato. Però vorrei fare una precisazione”.

Prego, dica pure.

“Quando parliamo di crisi delle vendite tutti ci soffermiamo sul fatturato, ma bisogna andare oltre questo fattore. I prezzi salgono e scendono e molto spesso, in determinati periodi si riesce a vendere meno prodotto a prezzi più alti e avere ugualmente un buon riscontro economico. Quando parlo di calo vertiginoso intendo la quantità di prodotto venduto indipendente dal prezzo di costo. Il ferro, i solai, i mattoni e gli isolanti che ti permettono di realizzare nuove costruzioni  sono stati i meno venduti. Molte fornaci, ad esempio, in questi anni hanno chiuso le loro attività, chi per scelta chi per fallimento. Questo ha determinato una diminuzione del prodotto presente in magazzino e contestualmente una sua minore vendita”.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

Teatro a 1000 metri, il Rudens di Plauto in scena

Teatro a Mille metri, pubblico e consensi al ‘Sannitico’ di Pietrabbondante:...

Ospiti del sindaco Antonio Di Pasquo per la serata conclusiva con la commedia plautina 'Rudens' il Presidente Donato Toma e l'assessore Vincenzo Cotugno PIETRABBONDANTE. Si...