HomeSenza categoriaTutti vogliono Marone: da Toma a Ruta, corte serrata per le alleanze

Tutti vogliono Marone: da Toma a Ruta, corte serrata per le alleanze

L’avvocato termolese però non cede il passo, almeno per ora. Non rinnega le proprie radici di centrodestra, ma nemmeno chiude a chi voglia condividere il suo programma, anche da altri schieramenti


TERMOLI. Fa gola a tutti, da destra – dove ha le sue radici – a sinistra. E potrebbe diventare l’ago della bilancia per le due maggiori coalizioni che tenteranno di frenare la ‘scalata’ del Movimento Cinque Stelle alla leadership della Regione. Si tratta dell’avvocato termolese Michele Marone, da tempo convintamente in campo quale candidato governatore.

Il suo bottino, consistente in tre o quattro liste più un programma organizzato, è preso di mira da più parti. E se nei giorni scorsi il candidato presidente designato dal centrodestra, Donato Toma, aveva candidamente ammesso l’esistenza di contatti, più o meno proficui, indiscrezioni accreditate riferiscono di un abboccamento anche da parte di Molise 2.0. Roberto Ruta e i ‘suoi’ avrebbero gettato l’amo, o anche qualcosa in più, per l’avvio di una trattativa. Tuttavia, Marone tiene il punto.

Contattato telefonicamente da isNews, l’esponente di Energie per l’Italia non conferma apertamente l’esistenza di negoziazioni, eppure non smentisce i contatti. Anzi. “Mi chiamano da tutte le parti – afferma con tono ironico – ma io resto fermo sulla mia posizione. Siamo consapevoli che raggiungere l’8% sia un’impresa ardua, tuttavia intendiamo dare voce al pensiero di tutti gli amici e cittadini desiderosi che vengano fuori nuove energie”.

E sull’eventuale apertura ad altre forze politiche ribadisce. “Siamo gli unici ad aver presentato un programma reale e costruito nel tempo. Siamo disponibili a condividerlo ed eventualmente a correggerlo, ove ve ne fosse la necessità. Il problema vero, però, è che tutti ragionano solo di nomi, mentre i molisani vogliono sapere cosa fare e come per risollevare il Molise. Salvare questa regione è la mia priorità – conclude Marone – e ben venga chiunque condivida questo obiettivo, anche oltre gli steccati partitici. Chiaramente, non rinnego la mia connotazione di centrodestra”.

In sostanza, possibilità di alleanze ci sono, seppure Marone non sembra voglia farsi dettare condizioni.

Alessandra Decini

Unisciti al nostro gruppo Whatsapp per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del quotidiano isNews: manda ISCRIVIMI al numero 3288234063

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Agri for food, open day all’Unimol: tra seminari e laboratori per...

Domani, 22 marzo, al  Dipartimento Agricoltura, Ambiente e Alimenti CAMPOBASSO. Arriva il nuovo incontro di orientamento dell’Università degli Studi del Molise che si rivolge, in...