La dirigente dell’istituto comprensivo ‘San Giovanni Bosco’ commenta l’apertura e l’accoglienza degli studenti nel nuovo plesso scolastico del quartiere San Leucio. GUARDA LA VIDEOINTERVISTA


ISERNIA. Tanti i volti sorridenti, e forse un po’ tesi, questa mattina nel cortile del nuovo plesso scolastico assegnato all’istituto comprensivo ‘San Giovanni Bosco’. Non solo sui volti dei ragazzi, ma anche di genitori ed insegnanti. È l’inizio di una nuova avventura per tutti, in un edificio sicuro e attrezzato pronto ad accoglierli e accompagnarli nella loro crescita e formazione.

Una responsabilità di cui è ben consapevole la dirigente Mariella Di Sanza, il cui volto stanco tradisce però una radiosa felicità nell’essere partecipe di questo nuovo inizio. La dirigente ha commentato ai nostri microfoni l’attività di accoglienza svolta, non solo stamattina ma anche nei giorni scorsi, con ben 7 open school volti a mostrare alla cittadinanza il lavoro svolto. Favorevole all’attivazione dei poli scolastici fin dalla sua presenza in Consiglio durante l’amministrazione Brasiello, la Di Sanza ha plaudito l’impegno dell’amministrazione d’Apollonio rimarcando come l’assegnazione dell’edificio sia stata una scelta di razionalità – dopo che la San Giovanni Bosco ha subito per anni una serie di trasferimenti, a discapito soprattutto dei ragazzi.

La dirigente non ha nascosto il rammarico, però, per una sorta di lenta decentralizzazione degli istituti presenti in città, auspicando presto l’apertura di un nuovo edificio nel centro storico – dove è stata chiusa per ragioni di sicurezza la sede della San Pietro Celestino – in modo da donare a ogni quartiere di Isernia la propria scuola.

GUARDA LA VIDEOINTERVISTA

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti ‘mi piace’ al nostro gruppo ufficiale