HomeSenza categoriaMichele Iorio rientra in Consiglio regionale e incalza Toma: “Deve darmi un...

Michele Iorio rientra in Consiglio regionale e incalza Toma: “Deve darmi un assessorato”

Lo ha detto l’ex governatore, all’indomani dalla sentenza di assoluzione della Cassazione, che fa venir meno la sospensione dall’incarico, scattata per effetto della legge Severino. Nessuna guerra al centrodestra in caso di mancato ingresso in Giunta, ma critica agli “annunci roboanti” dell’ultimo periodo, mentre il Molise continua a soffrire e a perdere abitanti


di CARMEN SEPEDE

CAMPOBASSO. Assolto dalla Cassazione, “perché il fatto non sussiste”, l’ex governatore del Molise Michele Iorio rientra in Consiglio regionale, nel posto dal quale era stato sospeso per 18 mesi, per effetto della legge Severino. E subito lancia la sua richiesta al governatore Donato Toma: un assessorato. “Credo di avere titolo per una presenza in Giunta”, ha detto nella conferenza stampa convocata all’indomani della sentenza della Suprema Corte. Che ha annullato la condanna in Appello per la vicenda relativa alla cessione delle quote dello Zuccherificio del Molise (in primo grado Iorio era stato assolto).

“Sono ovviamente soddisfatto – il primo commento di Iorio – il fatto che la Cassazione si sia pronunciata in maniera così decisa, nonostante la richiesta di prescrizione del reato della Procura, è per me la dimostrazione che questa sentenza si poteva proprio evitare”.

In questi mesi l’ex governatore è stato sostituito a Palazzo D’Aimmo dalla giovane Eleonora Scuncio, eletta con la lista ‘Iorio per il Molise’. “Mi auguro che Eleonora possa rientrare in Consiglio, se a me sarà dato un assessorato”, ha quindi aggiunto Iorio, per poi ringraziarla pubblicamente per il suo impegno e per l’attività svolta in aula, “in maniera sempre coerente”

Quindi la precisazione della sua richiesta politica. Tra il serio e il faceto Iorio ha fatto riferimento a un suo ‘mito’ politico. “Sapete tutti che sono un andreottiano – ha detto rivolto ai giornalisti – e Andreotti è stato 7 volte presidente del Consiglio e 7 volte ministro. Chi pensa che siccome sono stato presidente non potrei avere l’esigenza di stare in Giunta sbaglia. Anzi, insieme a Fratelli d’Italia il mio gruppo non ha condiviso l’assetto della Giunta”. E il metodo d’Hondt, al quale il governatore Donato Toma ha detto di aver fatto ricorso, per comporre l’esecutivo.

“E’ un sistema aberrante quello che, con la sostituzione degli assessori, ha consentito a una forza politica  di raddoppiare la presenza in aula, dando vita a una maggioranza nella maggioranza”, ha rilanciato Iorio facendo riferimento a Forza Italia e alle liste ‘satellite’ del centrodestra. Alla cui vittoria ha detto di aver contribuito con ‘Iorio per il Molise’, nonostante la condanna in Appello, “che non avrebbe avuto alcun effetto, se io fossi stato eletto in Senato, con un’anomalia che dimostra le lacune della legge Severino”.

Da qui la richiesta di un posto in Giunta. E se non dovesse arrivare? “Non ci sarà una guerra e nessuna reazione contraria ad un eventuale diniego del governatore Toma, al quale volentieri ho passato il testimone – ha preannunciato Iorio – ma ne prenderò atto, restando nel centrodestra con lealtà e appoggiando i programmi che condivido”.

Una critica però non l’ha risparmiata. “Noto troppi entusiasmi e annunci roboanti, che hanno fatto seguito all’arrivo di qualche ministro, ma anche su questioni di ordinaria amministrazione – ha affermato – segno di un provincialismo che i cittadini potrebbero non capire. In quattro mesi il Molise ha perso altri 1.200 abitanti, dato che dovrebbe farci tutti allarmare e farci mettere al lavoro per risolvere e subito alcuni problemi seri. Invece c’è un atteggiamento eccessivamente autoreferenziale. Non credo che manifestazioni di giubilo e una comunicazione di questo tipo possano produrre effetti positivi”.

“Serve invece un confronto serrato con il Governo – ha concluso Iorio – per chiedere quello ci spetta. E serve un Consiglio regionale che faccia quadrato su due e tre punti principali, da condividere, per poi sottoporli con determinazione al Consiglio dei Ministri”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti “mi piace” al nostro gruppo ufficiale

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

Tullio De Piscopo ed Ernesto Vitolo: due raggi di sole sul...

Il grande batterista suonerà a San Massimo il 22 luglio, lo storico tastierista di Pino Daniele si esibirà all’alba del 6 agosto sul pianoro...