Sul sito del Comune di Campobasso tutte le informazioni utili per partecipare al progetto-concorso ideato dall’associazione Malatesta


CAMPOBASSO. Realizzare opere d’arte che siano perfettamente inserite nel contesto urbano di Campobasso, che siano contestualizzate con la sua storia, con la grande tradizione dei Misteri.

Del resto, si celebrano i 300 anni dalla nascita dell’inventore di quello che è il ‘marchio’ del capoluogo di regione, Paolo Saverio Di Zinno, l’ideatore degli ‘ingegni’ che ‘travolgono’ la città e attirano migliaia di turisti nel giorno del Corpus Domini.’

L’associazione ‘Malatesta’ e il Comune di Campobasso, nell’ambito delle celebrazioni pensate per rendere omaggio al Di Zinno, nato nel dicembre del 1718, hanno ideato un ‘progetto concorso’ che intende sostenere la creatività dei giovani di età compresa tra i 18 e i 30 anni attraverso il linguaggio della ‘street art’, campo nel quale i Malatesta sono ormai ampiamente collaudati con successo.

diavolo

L’obiettivo è riqualificare ampie zone della città e della periferia: agli artisti viene appunto richiesto di lavorare sul territorio, di ‘parlare e ascoltare’ la città per arrivare poi alla realizzazione di un’opera che sia contestualizzata nel tessuto urbano e che rappresenti la città.

Sul sito del Comune di Campobasso tutte le informazioni utili per la partecipazione a “Imbrartiamo, street art e Misteri”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti “mi piace” al nostro gruppo ufficiale