Il noto programma di Raitre dedicherà l’ultima puntata dell’anno alle meraviglie che rendono unico il territorio matesino


ISERNIA. Nuova e importante vetrina nazionale per le peculiarità che rendono unico il territorio molisano. Il 31 dicembre, il programma di Raitre ‘Geo’ chiuderà l’anno mandando in onda il documentario girato nei centri del Matese. Si parte da Macchiagodena con il latte, il pane, la polenta cucinata in quel di Campitello Matese in una suggestiva Baita ad oltre 1200 mt di altezza ed innevata all’inverosimile.

E poi il Caciocavallo di Frosolone, che nella splendida location del pianoro di Campitello di Roccamandolfi con ciaspolate, sci alpinismo e cavalli, diventa impiccato e da companatico ad un eccellente pan cotto, preparato proprio con il pane di Macchiagodena. Una passeggiata in motoslitta per arrivare in un bosco fantastico che apre le porte ad uno scenario da fiaba come solo il Molise più vero riesce a proporre. Immagini ed un racconto dal sapore antico girate da Roberto Amodio, Stefano Barbieri con la regia di Riccardo Barbieri e le musiche di Claudio Luongo.

Un Molise che incanta con le sue bellezze, le sue prelibatezze, le sue unicità… Il profumo del pane De Cesare ha letteralmente inebriato le telecamere, l’artigianato di Frosolone che ha permesso la realizzazione del Paiolo per la Polenta, gli amici Remo Muccilli , Vitalino Scasserra, Tonino Masucci, Michele Carnevale, Antonello Martelli, Victor Rizzi, ai ciaspolatori ed allo staff del rifugio, Luigi Del Riccio, Kimberly Baccaro, Zaira Gianfrancesco, Sebastiano Pinelli, Pio Liberatore, Pietro Ricciardone, Pierpaolo Iannitelli, Giuseppe Scasserra, Pierluigi D’Angelo, Ivan Di Marco, instancabili e presenti in ogni occasione, dai piatti prelibati del rifugio, le lumache, accompagnati dal vino simbolo del Molise, la tintilia, ha stupito per bellezza e completezza di paesaggio . E, grazie a Molise Extreme team ed a DGA Funivie di Gino De Gregorio, si è potuti arrivare, non con poche difficoltà vista l’eccezionale nevicata, nel pianoro più bello e significativo del Matese, la Gallinola con la sua Baita ed il suo personale dal sapore tradizionale ed ospitale per poter assaporare la polenta più buona del Mondo preparata da Felice e dal suo staff dei polentari.

“Una puntata all’insegna del bello – sottolineano dai Borghi d’Eccellenza -, di un Molise visto con gli occhi di un visitatore che, nelle vesti del regista Riccardo Barbieri, vince la lotta contro l’inerzia che lo vuole relegato come regione senza vita e senza una vera anima, quel Molise che non esiste ma, se visitato, rimane indelebile nelle menti e nei cuori”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti “mi piace” al nostro gruppo ufficiale