HomeNotizieCRONACAMaestre violente, sospensione dall’insegnamento confermata

Maestre violente, sospensione dall’insegnamento confermata

Il giudice per le indagini preliminari ha rigettato l’istanza di revoca della misura interdittiva presentata dai legali difensori


ISERNIA. Sospensione dall’insegnamento confermata per le due maestre di 49 e 58 anni finite al centro dell’inchiesta per maltrattamenti su minori in un asilo di Venafro, rimbalzata sulle cronache nazionali.

Lo ha deciso nel pomeriggio di oggi il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Isernia Arlen Picano, rigettando la richiesta di revoca della misura interdittiva presentata dagli avvocati difensori Gianni Perrotta, Antonio Caranci e Gaetano Andreozzi. Le due insegnanti, dunque, dovranno restare lontane da scuola mentre l’inchiesta che le vede indagate a piede libero prosegue senza sosta. L’operazione ‘Lasciateli giocare’ della Squadra Mobile di Isernia ha attestato qualcosa come 150 episodi di violenza su bambini anche di 2 e 3 anni in un periodo di soli 20 giorni di videosorveglianza.

Gli episodi sono stati immortalati dalle telecamere nascoste dagli agenti di polizia nella scuola dell’infanzia venafrana, dove bimbi molto piccoli venivano educati alla legge del taglione: occhio per occhio, dente per dente. Il tutto condito da botte in testa, strattoni, aggressioni verbali, vessazioni, minacce e atteggiamenti lesivi della persona. In aula, all’asilo, c’era un clima di terrore e volavano parole forti. Fin quando alcuni madri coraggiose, nel novembre scorso, non hanno deciso di rivolgersi alla procura di Isernia, che ha condotto le indagini con il procuratore capo Carlo Fucci e il sostituto Maria Carmela Andricciola. Le immagini di quanto accadeva nell’asilo venafrano sono state diffuse dalla Mobile in conferenza stampa lo scorso 18 gennaio, scatenando così una gogna pubblica, soprattutto a mezzo social, fermamente condannata dai legali difensori delle due docenti.

Ieri mattina l’interrogatorio di garanzia per le indagate, che si sono avvalse entrambe della facoltà di non rispondere alle domande del gip.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti “mi piace” al nostro gruppo ufficiale

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

‘A pensarci bene’, Francesca Capozza presenta le sue strategie di felicità

Appuntamento a Pesche, nell'ambito delle iniziative programmate dal Comune per l'estate in paese PESCHE. 'A pensarci bene...Strategie di felicità': prima presentazione a Pesche per il...