HomeSenza categoriaComunali, programma ‘onesto e ambizioso’: l’appello al voto della lista ‘Cambiamo Rionero’

Comunali, programma ‘onesto e ambizioso’: l’appello al voto della lista ‘Cambiamo Rionero’

SPAZIO ELETTORALE./ Il candidato sindaco Palmerino D’Amico e gli aspiranti consiglieri illustrano le proposte per dare nuovo slancio al paese puntando sulle tante potenzialità offerte dal territorio


RIONERO SANNITICO. Riqualificazione e sviluppo del territorio, cultura, turismo, agricoltura, ma anche attenzione per l’ambiente e per la salute dei cittadini. Domenica 26 maggio anche Rionero Sannitico torna alle urne per il rinnovo del Consiglio comunale e, nell’ultimo giorno di campagna elettorale la lista ‘CambiAMO Rionero’ guidata dal candidato sindaco Palmerino D’Amico, fa il suo appello agli elettori, per condividere un programma “Sincero ed onesto, concreto e attuabile nei limiti del forte momento di crisi che si sta vivendo a livello globale. Allo stesso tempo, tuttavia, vuole anche essere ambizioso e stimolante, per far sì che l’attività amministrativa non diventi nel tempo un’azione routinaria e statica ma sia sempre vivace e dinamica”.

palmerino damicoIdee chiare sul da farsi per dare un nuovo slancio al paese, che come tanti centri delle aree interne, fa i conti ogni giorno con mille difficoltà e prova a combattere lo spopolamento. Punto di partenza è la pianificazione urbanistica che prevede la promozione di insediamento produttivo a bassi costi, con formule di incentivazione per nuove imprese. Tra le proposte c’è poi quella di riqualificare, recuperare e rivitalizzare le aree cittadine anche mediante l’acquisizione di fabbricati e aree dismesse da riconvertire a spazi utili alla vivibilità.

E ancora. La lista ‘CambiAMO Rionero’ scommette anche sulla creazione di un ‘Laboratorio d’Impresa’ che consiste nell’utilizzare i locali dismessi o inutilizzati, comunali o privati, per l’avvio di nuove attività, offrendo la possibilità di avere spazi per i giovani imprenditori a costi ridotti. Tra gli obiettivi c’è anche quello di programmare la riqualificazione del centro storico con l’istituzione di laboratori artigianali legati alle scuole professionali (rivalutazione lavorazione legno, ferro battuto.

Nuove imprese, certo, ma spazio anche alle iniziative per il rilancio dell’agricoltura “attraverso – spiegano i candidati – la creazione di un consorzio che si occupi della produzione e trasformazione del farro, appoggiandoci inizialmente a dei consorzi esistenti e seguendo l’intera filiera del cereale. In poche parole con un semplice motto ‘dalla terra al piatto’ ”.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

Corso di ceramica, i ragazzi dello Schweitzer plasmano il… presente

“L’arte dentro e fuori di noi” è il progetto organizzato dall’Istituto comprensivo di Termoli. Gratificanti e sorprendenti i risultati a fine ciclo. Con la mostra...