HomeSenza categoriaPunto Nascita, la parola al Tar. L'avvocato Romano: chiudere, decisione presa dopo...

Punto Nascita, la parola al Tar. L’avvocato Romano: chiudere, decisione presa dopo anni e nel periodo più ‘pericoloso’

Il legale incaricato assieme al collega Enzo Iacovino di presentare la richiesta di sospensiva rimarca alcune stranezze del decreto che non è ancora visibile sull’Albo Pretorio della Regione Molise. “L’utenza è più che quadruplicata, la Bifernina è a mezzo servizio per i lavori in corso e non è noto se siano stati presi accordi con le strutture sanitarie limitrofe. E al Cardarelli riusciranno a prendere in carico le pazienti con l’attuale dotazione di medici?”


di Lucia Sammartino

TERMOLI. L’ipotesi sulla quale si sta lavorando in velocità è quella di presentare un ricorso unico, in nome e per conto dei sindaci del Basso Molise, per chiedere al Tribunale Amministrativo Regionale di sospendere il provvedimento con il quale si è disposta la chiusura del Punto Nascita.

Ma c’è un ma. E lo chiarisce l’avvocato Massimo Romano che, assieme a Vincenzo Iacovino, ha ricevuto l’incarico dagli amministratori per promuovere l’azione legale.

Al momento non c’è un provvedimento – spiega – ma solo comunicazioni tra la struttura commissariale e l’Asrem e poi, a seguire, tra l’Azienda sanitaria e il Sindaco di Termoli”.

massimo romano

Allo stesso tavolo, ieri, i sindaci di numerosi Comuni del Basso Molise, quelli che rappresentano il bacino dell’utenza del nosocomio di Termoli (oltre il primo cittadino della città adriatica hanno preso parte all’incontro i sindaci o i delegati dei comuni di Campomarino, Guglionesi, Tavenna, San Giacomo degli Schiavoni, San Martino in Pensilis, Petacciato, Montenero di Bisaccia, Castelmauro e Montefalcone).

Con loro i parlamentari Giusy Occhionero, Annaelsa Tartaglione, Antonio Federico e Rosalba Testamento e gli avvocati Romano, Fiorini e Di Lalla (per lo studio Iacovino).

Il ricorso, come spiega Massimo Romano, è in corso di ultimazione. E si basa su alcune evidenze date dai numeri e dagli accadimenti che sono precipitati con la decisione di chiudere il Punto Nascita.

“Dalla sera alla mattina – spiega il legale – e all’inizio di luglio quando l’utenza è più che quadruplicata”.

La prima ‘stranezza’ è nei fatti, che sono di tutta evidenza. “Il bacino che si riferisce al San Timoteo è di circa 100mila persone che, d’estate, arriva a 400mila – continua ancora Romano -; questa misura è nell’aria da 9 anni e diventa realtà ad inizio luglio, con la Bifernina a ‘mezzo servizio’ per i lavori attualmente in corso. Andando invece sul piano più strettamente giuridico, in base a quale attività messa in campo l’Asrem è in grado di garantire che le partorienti saranno ricoverate a Vasto, a San Giovanni Rotondo o a Campobasso? Dove sono gli accordi che avrebbero dovuti essere presi? Se ci sono, noi non ne siamo a conoscenza. Inoltre, chi garantisce che il Cardarelli, sul quale si riverserà l’utenza, sarà in grado di soddisfare tutte la possibile utenza con quella dotazione di medici attualmente in organico?”.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

Carpinone celebra San Rocco: tornano i giochi popolari e la gara...

Appuntamento domenica 14 e lunedì 16 agosto per una due giorni di divertimento e spettacolo CARPINONE. Tornano i giochi popolari in piazza a Carpinone. Dopo...