HomeViaggiViaggiare rende davvero felici?

Viaggiare rende davvero felici?

Viaggiare rende felici: ecco perché sarebbe opportuno farlo ogni volta che se ne ha la possibilità. Non importa che si tratti di un lungo tour in giro per il mondo o di un week-end al mare: quello che conta è concedersi, di tanto in tanto, l’opportunità di partire per staccare la spina e mettere da parte tutte le preoccupazioni della vita quotidiana. Prenota l’aereo per la tua vacanza e via con la ricerca noleggio auto per muoverti in libertà nella destinazione dei tuoi sogni. In compagnia degli amici o anche in coppia, un viaggio è sempre sinonimo di svago e relax, perché offre incontri e stimoli a cui è difficile rinunciare.

La ricerca scientifica

Sul tema è stato condotto anche uno studio scientifico, i cui risultati sono stati resi noti dal Journal of Consumer Psychology. La ricerca, denominata “A wonderful life: experiential consumption and the pursuit of happiness”, dimostra che sono numerosi i benefici che derivano dal viaggiare. Una maggiore energia, per esempio: questo è il vantaggio che viene messo in risalto dal 94 per cento delle persone che sono state intervistate per questa indagine. Per 7 soggetti su 10, invece, spendere in viaggi aumenta il livello di felicità rispetto allo spendere per altri beni.

Viaggiare per sentirsi felici

Lo studio in questione ha previsto il coinvolgimento di ben 17mila persone provenienti da 17 differenti Stati. Ciò che è emerso dalla ricerca è che, nella maggior parte dei casi, le sensazioni che sono dovute al viaggiare risultano ancora più intense rispetto a quelle che sono provocate dalla nascita di un figlio o da un matrimonio. L’esperienza in sé viene considerata costosa dal punto di vista economico, ma al tempo stesso è una sorta di investimento, in quanto sul lungo periodo determina un arricchimento che coinvolge sia la sfera culturale che il patrimonio personale.

Che cosa vuol dire viaggiare

Viaggiare vuol dire aprire il proprio cuore, essere disposti a mettere da parte ciò che è vecchio per accogliere quello che è nuovo. Non è esagerato sostenere che mettersi in viaggio faccia diventare persone migliori, e affinché ciò possa succedere non è necessario organizzare tour infiniti: anche esperienze di pochi giorni sono più che sufficienti per sentirsi vivi e per essere protagonisti di momenti speciali e unici.

L’esperienza del viaggio

Nel corso di un viaggio non solo si ha la possibilità di vedere nuovi posti, ma soprattutto si approfitta dell’occasione di entrare in contatto con gli usi, i costumi e la cultura di altre persone: non c’è niente di più efficace per aprire la mente e, in un certo senso, promuovere un’evoluzione emotiva. E poi, come si diceva in precedenza, il viaggio è l’occasione per accantonare – anche se solo in modo temporaneo – le preoccupazioni della vita di tutti i giorni, le ansie del lavoro, i problemi in famiglia, le bollette da pagare, e così via. Per vivere appieno l’esperienza di viaggio muoviti su quattro ruote, il motore di ricerca per il noleggio auto Liligo può aiutarti a trovare la migliore tariffa in ogni angolo del mondo.

Meglio dello shopping

Per uomini e donne, viaggiare è meglio che fare shopping, anche perché un’esperienza di questo tipo consente di scoprire lati di sé poco conosciuti o che nemmeno si sospettava di avere. Mentre un acquisto in un negozio dà vita a un’emozione che pura poco tempo, le sensazioni che derivano da un viaggio rimangono salde nel cuore e si conservano nella memoria. Insomma, esse contribuiscono a costruire e a definire l’identità delle persone, proprio perché resistono nel tempo, a differenza di quel che succede con i beni materiali che sono inevitabilmente destinati a deperire e a lasciare spazio ad oggetti più nuovi.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

La bellezza di essere unici raccontata e illustrata da Cristiano Spinelli

Lunedì 30 maggio il primo appuntamento di ‘Ti racconto un libro Infanzia’, a cura dell’Uli e del Comune di Campobasso CAMPOBASSO. In un mondo votato...