Si tratta del giovane ripreso in un video che nei giorni scorsi aveva spopolato sul web. Squadra mobile e Polfer hanno eseguito l’ordinanza del Gip del Tribunale di Campobasso. I poliziotti hanno trovato con lui la ragazza, fuggita dalla struttura protetta in cui era stata accompagnata


CAMPOBASSO. Aveva maltrattato una ragazza minore, aggredendola per strada e cedendole droga, non potrà tornare in Molise l’egiziano di 19 anni (E.S.A.S. le sue iniziali), già denunciato per reati contro il patrimonio e danneggiamento, che non ha rispettato il foglio di via obbligatorio emesso dal questore di Campobasso.

La Squadra mobile e la Polfer hanno eseguito ieri l’ordinanza applicativa di una misura cautelare – divieto di dimora in Molise e divieto di avvicinamento alla vittima e con i luoghi da lei frequentati – emesso dal Gip del Tribunale di Campobasso su richiesta della Procura. A svolgere le indagini la mobile, che ha accertato gravi indizi di colpevolezza a carico del giovane, per maltrattamento in danno di minore e cessione di droga.

Determinante, ha spiegato il procuratore Nicola D’Angelo, si è rivelato il video, girato da un passante, pubblicato sui social e diffuso nei giorni scorsi dalla stampa, in cui si vede la ragazza aggredita dallo straniero. La minore, plagiata dall’egiziano, era andata via di casa con lui, non rientrando in famiglia. Su richiesta della Polizia, i Servizi sociali del Comune hanno collocato la ragazza in una struttura protetta, da cui per ben due volte si è allontanata. Rintracciata dopo la fuga, la minore è stata riportata nel centro, da cui è scappata di nuovo.

La polizia giudiziaria è riuscita a superare la sua reticenza e a farla parlare, a raccontare i maltrattamenti subiti dal ragazzo, le aggressioni fisiche e i maltrattamenti psicologici subiti anche a causa della vulnerabilità. Ed ha confermato che in varie occasioni il 19enne le aveva fatto assumere hashish.

Durante la fase dell’esecuzione dell’ordinanza la polizia ha trovato la ragazza con l’egiziano e con un suo connazionale, destinatario del rimpatrio con foglio di via obbligatorio, irregolare sul territorio italiano perché con permesso di soggiorno scaduto. L’uomo, su disposizione dell’Ufficio immigrazione, è stato espulso e portato nel Centro di identificazione di Bari, in attesa del rimpatrio.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti “mi piace” al nostro gruppo ufficiale