HomeNotizieCULTURA & SPETTACOLIL’Avis Pesche festeggia i primi dieci anni trascorsi a salvare vite

L’Avis Pesche festeggia i primi dieci anni trascorsi a salvare vite

Domani in piazza Cese la manifestazione con tutte le altre sezioni territoriali. Cerimonia al via con la benedizione di una targa


PESCHE. Una missione lunga dieci anni. È quella compiuta finora dall’Avis Pesche, associazione divenuta un’istituzione per il piccolo centro dell’isernino e per tutta la regione.
Domani, domenica 24 novembre 2019, la sezione comunale celebrerà il suo decennale e per l’occasione la presidentessa Gina Di Gneo e il consiglio direttivo hanno invitato i donatori iscritti, le associazioni ‘consorelle’ e le istituzioni locali a trascorrere insieme una giornata dedicata al volontariato.
Il programma prevede il raduno alle ore 10 in piazza Cese. Alle 11 verrà scoperta e benedetta la targa che è stata apposta proprio nel centro di Pesche, dopodiché i presenti, con in testa i labari, raggiungeranno la chiesa in corteo.
Alle 11,30 verrà celebrata la Santa Messa, quindi il gruppo condividerà un momento conviviale.

“Abbiamo voluto festeggiare questa giornata simbolica – ha spiegato la presidentessa – Come ha detto Margaret Chan, medico che fino al 2017 è stata a capo dell’Organizzazione mondiale della sanità: ‘Donare il sangue rappresenta il più grande atto di vita che chiunque può compiere’. Ed è proprio da questo assunto che noi siamo partiti 10 anni fa. Vogliamo far comprendere a tutti che basta un piccolo gesto per contribuire a salvare delle vite ed è su questo sentiero che la nostra attività proseguirà da qui in poi”.

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti “mi piace” al nostro gruppo ufficiale  

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Scuola strumento di pace, la ‘Petrone’ premiata a Roma

Oggi la consegna del riconoscimento all’istituto di Campobasso. Ospite di spessore della manifestazione la scrittrice ungherese Edith Bruck, che si è congratulata personalmente con...