HomeNotizieCULTURA & SPETTACOLI‘Un albero a regola d’arte’ per abbattere le distanze tra Cristianesimo e...

‘Un albero a regola d’arte’ per abbattere le distanze tra Cristianesimo e Islam

L’iniziativa, promossa dalla Pro Loco di Riccia in occasione delle festività natalizie, ha visto protagonisti gli ospiti dello Sprar


RICCIA. ‘Un albero a regola d’arte’: in occasione delle feste natalizie lo Sprar ha realizzato un laboratorio artistico estemporaneo aperto ai suoi ospiti per partecipare al concorso promosso dalla Pro Loco di Riccia.  La finalità della partecipazione al concorso è quella di dare continuità alle iniziative a cui si è partecipato lo scorso anno e di dare visibilità allo Sprar, inteso come realtà sociale del territorio tesa a divenire nel tempo parte integrante della comunità. L’intento è anche quello di accorciare le distanze fra le due religioni (islam e cristianesimo) abbattendo i falsi miti della incompatibilità e della impossibile coesistenza e convivenza musulmani-cristiani. L’albero è divenuto anche strumento di espressione e di partecipazione e condivisione di un obiettivo comune, il concorso.

alberoInsieme agli ospiti dello Sprar è stato ideato un albero che li potesse rappresentare e che in qualche modo potesse raccontare la loro storia migratoria. Sono state raccolte le varie proposte ed è venuto fuori un albero che ha coniugato le varie idee ed i diversi messaggi che si desiderava trasmettere. L’albero è stato realizzato con materiali poveri, di uso comune e facilmente reperibili in commercio. Tre aste di legno dipinte di bianco, sistemate a triangolo a rappresentare la forma di un abete, hanno rappresentato la struttura dell’opera.

E’ stato decorato con le sagome delle nazioni di provenienza dei 31 ragazzi che sono stati accolti nel centro: sagome rivestite di spezie, riso, farro, segatura, caffè, tutti prodotti naturali e dai colori vivaci e brillanti, spesso prodotti nei paesi che essi decorano. La struttura è stata arricchita con mezze lune color argento e stelle dello stesso colore, che sono i simboli della religione Islam e con stelle e comete gialle che sono i simboli di quella cristiana. Non mancano barchette di carta, deboli ed instabili, a rappresentare il viaggio migratorio.

Tutti gli addobbi dell’albero sono appesi alla struttura con un filo sottile, filo che vuole far riflettere sulla instabilità e precarietà degli stati rappresentati e dei loro abitanti. Stesso fine hanno le barchette di carta. Sul retro della struttura sono state poste delle lucine con luce naturale che illuminano l’opera. Sul puntale è stata posta “la Terra”, una sfera rivestita artigianalmente con della carta su cui è stato stampato il planisfero. Sull’asta di legno posta alla base è stato “sospesi a mezz’aria, sotto lo stesso cielo”.

L’albero vuole promuovere la riflessione sul tema della migrazione e sull’uguaglianza fra i popoli. A lato dell’albero è stata posta un’asta dove sono state attaccate le foto degli ospiti, per dare un volto agli autori dell’opera.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti “mi piace” al nostro gruppo ufficiale

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Fanfara degli Alpini: rinnovate le cariche sociali a Roccamandolfi

Il presidente è Antonino Bucci. Voto unanime dell'assemblea ROCCAMANDOLFI. Rinnovate le cariche sociali della Fanfara degli Alpini di Roccamandolfi. Ieri mattina, presso la sede musicale,...