HomeSenza categoriaCoronavirus, al via la campagna per salvare la ristorazione molisana

Coronavirus, al via la campagna per salvare la ristorazione molisana

Organizzata dall’imprenditore Antonio Valerio, titolare dell’azienda vinicola Campi Valerio, una raccolta fondi quale contributo per tutte le attività coinvolte nella crisi


ISERNIA. L’emergenza coronavirus non è solo sanitaria, ma anche sociale ed economica. Lo sanno bene soprattutto le piccole imprese, le attività commerciali e di servizi duramente colpite dalle necessarie restrizioni atte ad arginare l’epidemia.

{loadmodule mod_banners,Banner in article google}

Ed ecco che parte da Isernia, dall’imprenditore Antonio Valerio, titolare della nota azienda vinicola Campi Valerio, una iniziativa in favore dei ristoratori molisani. Si tratta di una campagna di crowdfunding (clicca qui) che si propone di raccogliere almeno 500mila euro quale contributo per tutte le famiglie coinvolte nella crisi che ha investito tutta la ristorazione nazionale, molisana in particolare.

I fondi raccolti – spiega il promotore – saranno usati come garanzia a favore delle attività ristoratrici presso gli istituti di credito.Un’iniziativa importante, che si spera possa servire per ridare fiato alle attività locali nel rispetto territorio che, da sempre, è al centro dell’impegno dell’imprenditore.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

Itef classe 1972, 50 anni dopo la rievocazione dei diplomi

Isernia/ Una giornata evento fortemente voluta da Pietro e Pasqualina Valentino: presenti alunni ed ex professori dell’epoca, oltre al preside Carmosino. LE FOTO ISERNIA. Cinquant’anni...