Le delibere della giunta comunale per l’utilizzo degli oltre 148mila euro destinati alla città dalla Protezione civile nazionale


ISERNIA. Solidarietà alimentare, la giunta comunale di Isernia, come annunciato nei giorni scorsi, si è attivata per rendere fruibili sul territorio le risorse destinate alla città dalla Protezione civile nazionale per l’acquisto di buoni spesa. Ed ecco che stamani, con propria deliberazione, l’esecutivo ha proceduto ad una variazione di competenza e di cassa al Bilancio di Previsione Finanziario 2019-2021 (esercizio 2020) per l’importo di 148.285,53 euro.

{loadmodule mod_banners,Banner in article google}

La stessa giunta, con successiva deliberazione, ha poi disposto come e dove utilizzare i buoni e le modalità di accesso alla misura di sostegno da parte dei cittadini.

Nello specifico ha stabilito:
1) di destinare alle misure urgenti di solidarietà alimentare eventuali donazioni per le quali si autorizza l’apertura di un conto corrente di solidarietà presso il Tesoriere dell’Ente ove far confluire le stesse donazioni;
2) di utilizzare le risorse di cui al Fondo di Solidarietà Alimentare pari a 148.285,53 euro per l’acquisto di buoni spesa utilizzabili per il rifornimento esclusivo di generi alimentari attraverso adesioni con gli esercenti attività commerciali ubicate nel territorio comunale;
3) di esprimere all’Ufficio delle Politiche Sociali dell’Ente il seguente indirizzo in merito all’erogazione della misura: a) la forma di sostegno economico s’intende assegnata al nucleo familiare. Pertanto, le eventuali istanze prodotte dal singolo componente richiedono la valutazione della situazione familiare complessiva, delle risorse complessive del nucleo e della rete parentale; b) la concessione degli interventi di assistenza economica avviene entro i limiti complessivi delle somme assegnate all’Ente;
c) destinatari del sostegno economico sono i nuclei familiari residenti o stabilmente dimoranti nel Comune di Isernia alla data di presentazione della domanda, che non abbiano presentato domanda in altro comune, che dimostrino di essere particolarmente esposti agli effetti economici derivanti dalla emergenza epidemiologica da virus Covid-19 o, comunque, di versare in stato di bisogno; d) per ogni nucleo familiare la domanda può essere presentata da un solo componente; e) al fine di attestare il possesso dei requisiti per l’accesso alla misura previsti dal provvedimento, il beneficiario dovrà presentare dichiarazione sostitutiva di atto notorio; f) l’Amministrazione si riserva di provvedere a verifiche a campione sulle dichiarazioni rese ai sensi dell’art 11 del DPR 445/2000 anche attraverso la collaborazione di altri Enti Pubblici (INPS, Catasto, Anagrafe Tributaria, Guardia di Finanza, ecc.); g) in caso di soggetti percettori di altri contributi pubblici (ad esempio, Reddito di Cittadinanza, Cassa Integrazione, NASPI o altro) gli stessi potranno eventualmente beneficiare della misura ma senza priorità rispetto agli altri soggetti beneficiari così come stabilito dall’Ordinanza del Capo Dipartimento della Protezione Civile n. 658 del 29.03.2020; h) l’esame delle richieste di sostegno economico avvenga ad opera del Dirigente del Settore A.A.G.G. / Servizi al Cittadino – Ufficio delle Politiche Sociali, che potrà avvalersi anche degli uffici dell’Ente di Ambito Sociale Territoriale mediante l’approvazione di conseguente graduatoria che tenga conto in primo luogo dell’assenza di qualsivoglia attività lavorativa attuale da parte dei componenti del nucleo familiare, dell’attuale situazione economica e del patrimonio mobiliare del nucleo familiare, della presenza di figli a carico, della titolarità del diritto di proprietà sulla casa di abitazione e dell’essere eventualmente già in carico ai servizi sociali comunali e/o di Ambito Territoriale; i) i buoni spesa siano erogati attraverso appositi voucher emessi da questo Comune; j) la consegna dei buoni spesa avvenga tramite il C.O.C. di Protezione Civile dell’Ente evitando assembramenti che possano compromettere la distanza interpersonale di sicurezza; k) in caso di utenti non autosufficienti o con obbligo di permanenza domiciliare i buoni spesa siano consegnati dai volontari che collaborano con il suddetto C.O.C. di Protezione Civile; l) sul sito internet istituzionale dell’Ente sia pubblicato apposito elenco degli esercizi commerciali ove è possibile effettuare l’acquisto dei generi alimentari.

 

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!