HomeSenza categoriaCoronavirus, positivi operatori di Villa Maria: in corso la ricostruzione dei contatti

Coronavirus, positivi operatori di Villa Maria: in corso la ricostruzione dei contatti

Tra i sei nuovi casi riscontrati oggi a Campobasso. Si tratta tuttavia di collaboratori amministrativi e non di sanitari. Gli altri contagi in città fanno parte di cluster già noti


CAMPOBASSO. Coronavirus nelle strutture sanitarie, risultati positivi al test del Covid-19, due operatori della Casa di cura ‘Villa Maria’ di Campobasso e un contatto di uno di loro.

{loadmodule mod_banners,Banner in article google}

Sono riconducibili alla clinica geriatrica di via Principe di Piemonte tre dei sei nuovi casi riscontrati oggi a Campobasso. La notizia è stata confermata dal direttore generale dell’Asrem Oreste Florenzano. “Si stanno indagando i contatti delle persone risultate contagiate – ha detto il manager dell’Azienda sanitaria locale – Noi abbiamo allertato la struttura e sono in corso e sono in corso tutte le verifiche del caso”.

Struttura che, c’è da dirlo, è accreditata con il Servizio sanitario nazionale, ma che dal 12 marzo era chiusa, dopo che l’Asrem ha imposto a tutto il privato accreditato “la sospensione di tutte le attività ambulatoriali e di ricovero, fatte salve le prestazioni ambulatoriali recanti motivazioni di urgenza, nonché quelle di dialisi, di radioterapia e quelle oncologiche -chemioterapiche”. Riaprirà martedì 14 aprile, per ospitare pazienti no Covid, come da accordo con la Regione.

Tra i contagiati a Villa Maria non ci sono sanitari o pazienti, come chiarisce Carlo Pedicino, responsabile dell’Unità di Medicina. “Allo stato attuale sono risultati positivi – questa la sua precisazione in un post su Facebook – solo due operatori amministrativi, impegnati in attività non a contatto con il pubblico e prontamente auto-isolatisi in regime di quarantena domiciliare”.

Che si tratti di due collaboratori amministrativi è stato appena confermato anche dal direttore generale Nicola Baranello. Proprio in vista della riapertura della prossima settimana, ha chiarito il manager “è stato effettuato, unica struttura regionale, uno screening clinico immunologico su tutto il personale dell’azienda, il cui esito ha consentito di individuare e segnalare, al momento, due collaboratori amministrativi risultati positivi al Covid-19, attualmente in quarantena a domicilio”. 

“E’ del tutto fuori luogo – ha concluso Baranello – parlare di “nuovo cluster”, circostanza questa che reca un notevole danno e pregiudizio alla azienda. E’ altresì in atto la sanificazione di tutti gli ambienti della struttura sanitaria che sarà completata nelle prossime ore, al fine di consentire l’accesso dell’utenza in modo appropriato e secondo standard di massima sicurezza”.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

Più letti

‘Eva non ha mangiato la mela’, a Isernia l’evento dell’Accademia Italiana...

Il 19 aprile 2024 alle 17.45 nel foyer dell’Auditorium Unità d’Italia la presentazione del volume del professor Giovanni Ballarini ISERNIA. Sarà presentato venerdì 19 aprile...
spot_img
spot_img
spot_img