HomeSenza categoriaSanità, dalla Commissione Bilancio stop all’extrabudget per i pazienti extraregionali di Neuromed

Sanità, dalla Commissione Bilancio stop all’extrabudget per i pazienti extraregionali di Neuromed

Non passano gli emendamenti ad hoc al Decreto Rilancio. Passa, invece, la linea che, per l’emergenza Covid, l’erogazione di risorse pubbliche destinate alle strutture private “deve essere vincolata ad attività assistenziali concordate ed effettivamente svolte”. L’annuncio del portavoce del Movimento Cinque Stelle Antonio Federico


ROMA/CAMPOBASSO. Gli emendamenti al Decreto Rilancio che autorizzavano la Regione Molise a pagare l’extrabudget per i pazienti extraregionali all’Istituto di ricerca Neuromed non sono passati in Commissione Bilancio.
A dare l’annuncio il deputato del Movimento Cinque Stelle Antonio Federico che commenta: “Questa è una buona notizia per tutti coloro che tengono alla salvaguardia della sanità pubblica molisana. Come ho già detto varie volte, infatti, è la Conferenza delle Regioni a dover risolvere la questione legata alle prestazioni del Neuromed che non possono pesare sulle casse di una regione piccola come in Molise e che per giunta è in deficit”.

“Servono invece accordi interregionali – rilancia Federico – che modifichino la gestione di una struttura che vanta l’80% delle prestazioni per pazienti extramolisani. Queste prestazioni devono essere pagate dalle regioni di provenienza di quei pazienti e non anticipate dalla Regione Molise.
Altrimenti, come dimostrano gli ultimi Tavoli tecnici, la stessa Regione si ritrova con 21 milioni di euro bloccati perché accantonati a fondo rischio e che invece potrebbero essere utilizzati per la sanità pubblica. Insomma una soluzione c’è e non era certo contenuta all’interno di un emendamento estemporaneo da inserire nel Decreto Rilancio”.

“Il Neuromed – aggiunge il pentastellato – deve poter lavorare perché più lavora, più migliora la qualità delle cure, ma non può farlo a scapito del sistema sanitario molisano che è in sofferenza. I soldi pubblici vanno utilizzati con oculatezza, a maggior ragione in un momento come questo.
Sempre ieri, come avevo annunciato nei giorni scorsi, è passato forte e chiaro un altro concetto: nell’ambito dell’emergenza Covid, l’erogazione di risorse pubbliche destinate alle strutture private deve essere vincolata ad attività assistenziali concordate ed effettivamente svolte oltre che a costi effettivamente sostenuti, perché è impensabile pagare prestazioni mai erogate. Un concetto cristallizzato all’interno di un emendamento al Decreto Bilancio, firmato dal collega Nicola Provenza”.

“Personalmente e insieme ai colleghi alla Camera – conclude – mi sono impegnato per ottenere quello che considero un risultato importante e oggi possiamo dire che è stata fermata una ingiustizia nei confronti della sanità pubblica”.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

Officine Cromatiche premio VI edizione

Officine Cromatiche, tutto pronto per la premiazione del VI Concorso Fotografico...

Ospite d’eccezione Stefano Mirabella, docente della Leica Akademie, che presenterà il suo lavoro ‘Questione di attimi” – La Street Photography’ ISERNIA. L’Associazione ‘Officine Cromatiche’, giunta...