HomeSenza categoriaMigranti, ecco le cifre dell'accoglienza a Isernia: il caso sulla stampa nazionale

Migranti, ecco le cifre dell’accoglienza a Isernia: il caso sulla stampa nazionale

La Verità, giornale diretto da Maurizio Belpietro, mette in prima pagina le sorelle Ferri e la cooperativa ‘Il Geco’, beneficiaria di 1 milione e mezzo di euro dalle prefetture di Isernia e Campobasso. Il capogruppo della Lega al Comune di Isernia, Stefano Testa, caustico: “Comunisti col rolex”. Sara Ferri annuncia una sua dichiarazione nei prossimi giorni


ISERNIA. Finisce sulla stampa nazionale il caso del business dell’accoglienza dei migranti a Isernia. ‘La Verità’ di Maurizio Belpietro dedica  la prima pagina alla cooperativa ‘Il Geco’ delle sorelle Sara e Barbara Ferri, storiche rappresentanti della sinistra locale e sostenitrici dei diritti civili; ma anche beneficiarie, negli anni, come scrive il giornalista Francesco Borgonovo, “di 1 millone e mezzo di euro dalle prefetture di Isernia (932mila) e Campobasso (600mila circa)“. Attualmente, nel centro d’accoglienza di viale dei Pentri, sono alloggiati 40 tunisini dal 31 luglio (erano 43, ma 3 sono scappati). E la direttrice del centro è in vacanza in Sardegna, in barca, per qualche meritato giorno di riposo: ma ‘La Verità’ non fa sconti neanche su questo.

testa sara ferriVarie sono state le prese di posizione politiche contrarie, all’arrivo dei tunisini a Isernia, da parte del centrodestra locale. Oggi, in particolare, si segnala quella del capogruppo della Lega al Comune di Isernia, Stefano Testa, che dalla sua pagina Facebook posta l’articolo de ‘La Verità’ e commenta caustico: “Comunisti col rolex”.

Nell’articolo si fa anche riferimento al legame parentale delle sorelle Ferri con il viceprefetto di Isernia Giuseppina Ferri, additando la questione come un presunto elemento di conflitto di interessi in merito alla gestione dei migranti. Questione, a dir la verità, sollevata qualche anno fa anche dall’assessore Eugenio Kniahynicki, che sostenne come non fosse opportuno che la gestione di un Cat locale fosse affidata a chi aveva parenti in prefettura.

Sul contenuto dell’articolo, isNews ha contattato Sara Ferri, che ha annunciato una propria dichiarazione nei prossimi giorni, non appena rientrerà in città.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, invia ISCRIVIMI al numero 3288234063 e salvalo in rubrica!

spot_img
spot_img
spot_img

Più letti

Cammini di Fede, in Molise censiti Cercemaggiore e Castelpetroso

Per un turismo esperienziale e di qualità: la soddisfazione dell'Ufficio pastorale turismo sport CAMPOBASSO-ISERNIA. L’Ufficio Nazionale della Pastorale del Turismo della Conferenza Episcopale Italiana ha...