HomeSenza categoriaTrasporto pubblico in zona rossa, disagi per autisti e utenza: l’allarme dei...

Trasporto pubblico in zona rossa, disagi per autisti e utenza: l’allarme dei sindacati

Con la determinazione regionale che rimette alle ditte private la rimodulazione dei servizi, le sigle di settore paventano forti criticità


CAMPOBASSO. Nel Molise zona rossa a finire in affanno, tra gli altri, è il settore del trasporto pubblico. A segnalare il disagio della categoria sono le sigle sindacali Filt Cgil, Fit Cisl e Uil Trasporti che, per il tramite dei propri rappresentanti Franco Rolandi, Antonio Vitagliano e Carmine Mastropaolo, attaccano la Regione, rea – a loro avviso – di aver rinunciato alla propria funzione di programmazione dei servizi e di controllo sull’operato delle ditte affidatarie degli stessi, con ripercussioni per utenza e autisti.

“La conferma di quanto affermiamo – scrivono i sindacati in una nota – è arrivata proprio oggi con la determinazione del Direttore del IV dipartimento n. 32 del 28-02-2021, riguardante la rimodulazione dei servizi di trasporto pubblico locale nella nostra regione. Le misure che la determina contiene sono quelle tipiche di una zona rossa e sicuramente sono già state sperimentate in altri territori che, prima di noi, hanno dovuto fare i conti con il diffondersi della pandemia. Tuttavia, la prerogativa tutta molisana è che la rimodulazione del servizio è lasciata alle aziende, come del resto è sempre stato fatto in passato. L’ente appaltante dispone ma non decide. Una implicita abdicazione dei ruoli. L’effetto finale di questo gioco di prestigio – tuonano ancora i sindacati – è che ad essere penalizzati saranno come sempre gli utenti e gli autisti del trasporto pubblico, i primi godranno di un servizio che non hanno mai avuto modo di condividere, i secondi avranno stipendi decurtati e corrisposti con i lunghi tempi di Inps. Le aziende ridurranno i costi sul personale e sul carburante ed inoltre avranno confermati i compensi degli anni precedenti la pandemia, senza alcuna decurtazione, ma addirittura con l’ulteriore aiutino sui mancati introiti da bigliettazione.
Visti i tempi grami che viviamo, – conclude la nota – da una Regione capace di governare i propri processi amministrativi, ci saremmo aspettati maggior attenzione per i soggetti deboli del settore”.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

 

 

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

Locandina Workshop

‘Proteggi la costa, adattati al cambiamento climatico’: workshop a Termoli 

Prevista la presenza di esperti del settore e la visita guidata presso la stazione meteomarina  TERMOLI. Si svolgerà domani, sabato 25 giugno, il secondo workshop dal titolo...