Il telefono è stato rinvenuto dagli agenti della penitenziaria durante un controllo


LARINO. Sequestrato un cellulare nel carcere di Larino. Un detenuto lo aveva nascosto nella sua cella, ma è stato trovato dagli agenti della polizia penitenziaria.
Lo rende noto il segretario generale del Sappe, Donato Capece.

“L’ingresso illecito di cellulari negli Istituti è ormai un flusso continuo grazie alle ridotte dimensioni di questi apparecchi, introdotti nelle carceri anche attraverso droni sempre più spesso avvistati e intercettati. Nonostante la previsione di reato di recente emanazione per l’ingresso e detenzione illecita di telefonini nelle carceri, con pene che vanno da 1 a 4 anni, il fenomeno non sembra ancora attenuarsi. Vanno adottate soluzioni drastiche, come la schermatura delle Sezioni detentive e degli spazi nei quali sono presenti detenuti all’uso dei telefoni cellulari e degli smartphone. È urgente e non più differibile – conclude – trovare soluzioni al personale di Polizia Penitenziaria che opera, sotto organico e con mille difficoltà, nel carcere di Larino e nonostante tutto garantisce al meglio i compiti di sicurezza”.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale 

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti 



Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui  e salva il contatto!