HomeNotiziePOLITICA & ATTUALITA'Sanità e debiti, Ortis: bene il decreto Molise, spero che Toma sappia...

Sanità e debiti, Ortis: bene il decreto Molise, spero che Toma sappia di cosa parla

Il senatore molisano interviene a margine della notizia diffusa dal governatore circa l’arrivo da Roma di 103 milioni di euro per coprire il deficit che da oltre un decennio affligge la Regione. GUARDA LA VIDEOINTERVISTA


CAMPOBASSO. “Ho appreso la notizia da voi media, se fosse vera sarebbe una grande cosa per il nostro territorio”. Il senatore molisano Fabrizio Ortis commenta le dichiarazioni del Presidente della Regione Donato Toma in merito ai fondi che arriverebbero da Roma per abbattere il cronico debito sanitario che preclude qualsiasi forma di sviluppo e potenziale ripartenza economica del Molise. Sarebbero 103 i milioni finanziati dal Governo che porterebbero nel tempo ad una nuova stagione di autonomia sanitaria per la Regione dopo più di un decennio di sofferenze e Commissariamenti vari.

GUARDA LA VIDEOINTERVISTA

“Il Molise ha bisogno di una boccata di ossigeno e di ripartire. Per farlo è opportuno voltare pagina e andare oltre questi difficili anni caratterizzati dal piano di rientro – spiega Ortis – I debiti accumulati nel passato sono tanti, caratterizzati per lo più da una disarmonia della gestione dei vari commissari e governatori che si sono succeduti. Basti pensare ai debiti contratti con l’Inps oppure ai budget ed extra budget dei privati, che sono sicuramente una grande risorsa della regione ma che troppo spesso decidono direttamente come devono essere gestiti i soldi della sanità o stipulati i contratti: in questo modo erodono le risorse destinate alla sanità pubblica del Molise”.

Con il commissario Degrassi sembra esserci stata una spinta sotto l’aspetto operativo e un rinnovato stimolo nei rapporti tra Roma e il Molise. Questo il commento di Ortis in proposito: “I buoni rapporti con il Governo e con chi opera a Roma sono determinanti, ancora di più lo sono le professionalità. Non sempre chi ha gestito questo settore vitale per i cittadini e per l’economia è stato professionale, cioè ha portato avanti tutti quelli che erano i propri compiti. Oggi, da quello che risulta all’esterno, sembra che il nuovo Commissario stia lavorando bene, speriamo che tutto questo non diventi oggetto da parte di politici e politicanti locali di un accaparramento di consensi, perché non è di quello di cui ha bisogno il Molise. Non serve il politico, che sia il governatore, il senatore, il deputato o il consigliere regionale, che si prenda meriti che non ha. Quello che serve è risolvere i problemi. Il governatore Toma oggi dice che arriverà questo Decreto Molise che porterà dei soldi, ben venga tutto ciò, mi auguro che abbia parlato consapevolmente”.

 

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

Più letti

Il Paleosuolo al Museo del Paleolitico di Isernia

Musei e luoghi di cultura in Molise aperti per il 25...

In occasione della Festa della Liberazione ingresso gratuito CAMPOBASSO-ISERNIA. Per il 25 aprile, Festa della Liberazione, e per le celebrazioni del 1 Maggio, festa dei...
spot_img
spot_img
spot_img