HomeNotiziePOLITICA & ATTUALITA'Vendita Gemelli Molise, l’arcivescovo Bregantini: mai ‘tifato’ per nessun acquirente

Vendita Gemelli Molise, l’arcivescovo Bregantini: mai ‘tifato’ per nessun acquirente

“Una fake news con la quale si vuole colpire l’intero episcopato regionale”, ha dichiarato il prelato. L’appello a non vendere la struttura era arrivato anche al Papa


CAMPOBASSO. “Di ritorno dai miei spirituali Esercizi, venerdì 23 luglio 2021, vengo a conoscenza di alcune notizie che mi hanno profondamente addolorato”, scrive sua eccellenza l’arcivescovo metropolita di Campobasso-Bojano Giancarlo Bregantini in una nota inviata alla stampa. “Prima di tutto, la notizia della vendita del Gemelli Molise – scrive il prelato – Amarezza grande, perché ho tanto lottato, insieme con gli altri vescovi del Molise, perché non si giungesse a questo punto. Il nostro accorato appello, giunto fino al Papa, non è stato purtroppo ascoltato e si è deciso di precedere, comunque, alla vendita”.

Specifica poi come “la cosa che poi mi ha ulteriormente amareggiato è stato leggere, da certe fonti di stampa non correttamente informate, anzi tendenziose, che io, come Vescovo, avrei determinato, influito e caldeggiato sulla scelta dell’acquirente. È una notizia totalmente infondata – smentisce Bregantini – Una vera fake news, dal sapore mirato. Si vuole colpire non solo l’arcivescovo di Campobasso, ma l’intero episcopato del Molise. Certo ho combattuto con tutte le mie e nostre forze perché non si vendesse il Gemelli Molise, consapevole che dell’ulteriore impoverimento della terra molisana, già così segnata da miopi politiche di abbandono. Ma mai ho interferito sulla scelta dell’acquirente”, sottolinea l’arcivescovo. “E non solo da parte mia, ma nessun Vescovo Molisano ha dimostrato interesse o parzialità in proposito”.

“La Chiesa locale già si era espressa con parole chiare, il 26 giugno 2021, ancora prima che si entrasse in gioco pubblico. Infatti, come vescovi, in un comunicato interno, avevamo scritto così – riporta Bregantini –: ‘Ora, come Vescovi, oltre che ribadire le nostre più sofferte preoccupazioni di natura sociale, culturale e pastorale per questa vendita, precisiamo che non compete a noi poter esprimere pareri sulle eventuali scelte future che la Direzione del Gemelli intenderà attuare’.

“Ebbene, su questi precisi binari abbiamo sempre camminato. Chiedo perciò ad alcuni colleghi giornalisti, che hanno diffuso queste fake news, di informarsi meglio, di essere più precisi e documentati, per non creare sconcerto e conflitti inutili”, conclude l’arcivescovo di Campobasso-Bojano.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui e salva il contatto!

Iscriviti al nostro gruppo Facebook ufficiale https://bit.ly/isNews_agora

isNews è anche su Telegram: clicca qui per iscriverti https://t.me/isnews_it

Per ricevere le nostre notizie su Whatsapp, clicca qui https://bit.ly/isnews_wa_iscrivimi e salva il contatto!

Più letti

Carpinone celebra San Rocco: tornano i giochi popolari e la gara...

Appuntamento domenica 14 e lunedì 16 agosto per una due giorni di divertimento e spettacolo CARPINONE. Tornano i giochi popolari in piazza a Carpinone. Dopo...