Lanciato dalla scuola calcio isernina, il piccolo talento, che gli amici chiamano ‘Messi’, da oggi va a rinforzare il settore giovanile rossoblù. In bocca al lupo… Lupetto.


Si chiama Andrea Antinucci, ha 14 anni, è di Isernia e gli amici lo chiamano ‘Messi’. E’ infatti un piccolo centrocampista, che ha anche una naturale predisposizione al ruolo di attaccante.

Andrea oggi è il ritratto della felicità: sorride perché la sua avventura nel calcio proseguirà d’ora in avanti nella società che fa da traino al movimento calcistico regionale: il Campobasso.

Il classe 2007 è un prodotto della florida scuola calcio dell’Aesernia Fraterna. Le sue spiccate doti tecniche non sono passate inosservate agli osservatori dei lupi che lo hanno ‘ingaggiato’ per rinforzare il settore giovanile rossoblù, in particolare la formazione under 15 in lizza nel campionato nazionale. Settore giovanile che, ricordiamo, quest’anno si gioverà di un importante investimento fatto dalla Molisana. E’ in questa interessante e trasparente maniera che il pastificio campobassano, noto e apprezzato ovunque nel mondo, sosterrà la causa dei lupi. I giovani sono la base di qualsiasi società che si rispetti nel calcio che conta, ancora di più tra i professionisti dove i lupi sono tornati dopo diversi anni. Vedere questi ragazzi indossare fuori dal Molise la casacca col logo La Molisana sarà uno spettacolo.

In bocca al lupo al nuovo lupetto, gioco di parole voluto che rafforza il concetto. E complimenti alla Fraterna che, lavorando bene sotto tutti i punti di vista, ha lanciato questo piccolo talento che potrà così coltivare il suo sogno. Campobasso e Isernia unite sotto il segno del futuro calcistico regionale, bando ai vecchi, inutili campanilismi.

mc

IMG 20210826 131531