Alunni della ‘Colozza’ vicini alla maestra Iryna e ai bimbi ucraini

Stamattina nel piazzale antistante la scuola campobassana alcune classi miste hanno inneggiato alla pace, testimoniando con messaggi, striscioni e un toccante minuto di silenzio il proprio sostegno ai coetanei colpiti dalla guerra. Presente anche la docente ucraina del plesso.


di Maurizio Cavaliere

CAMPOBASSO. Hanno deciso di scendere in campo anche loro, per la pace, con il cuore rivolto ai coetanei ucraini così duramente colpiti negli ultimi giorni di bombardamenti e terrore. Questa mattina, i bambini di alcune classi miste del plesso ‘Scarano’ dell’Istituto comprensivo ‘Colozza’ di Campobasso si sono raggruppati con i loro docenti nell’area antistante la scuola, mostrando su fogli e manifesti i propri pensieri e messaggi di solidarietà. Con loro anche la Dirigente Scolastica Maria Antonietta Rizzo e Iryna, la maestra ucraina che lavora presso l’Istituto. Un momento di raccoglimento e di speranza che è stato scandito dal rumore forte e penetrante della campanella scolastica, quasi a evocare il richiamo al coprifuoco che in questi giorni scuote le città ucraine, al toccante e spettrale minuto di silenzio che hanno osservato, come in una città che si svuota prima di una nuova esplosione.

In questo video un sunto del momento di condivisione con il quale la popolazione scolastica dell’Ic Colozza ha voluto manifestare il proprio dissenso alla guerra e radicare il valore della pace come principio educativo.

L’inaugurazione di uno striscione a favore della pace ha dato ancora più forza e colore alla volontà di sostenere la pace da parte di alunni, insegnanti e personale della scuola: “Un modo, questo, di vivere in prima linea gli eventi e di coltivare il germe di un futuro migliore” ha concluso la Dirigente Maria Antonietta Rizzo.