HomeNotiziePOLITICA & ATTUALITA'Vertenza Vibac, troppi misteri: sindacati pronti alla protesta

Vertenza Vibac, troppi misteri: sindacati pronti alla protesta

Annunciate astensioni progressive dal lavoro, fino ad arrivare al fermo produttivo dello stabilimento di Termoli “se non dovessero arrivare riscontri risolutivi dei problemi di produzione, sicurezza e diritti dei lavoratori”


TERMOLI. “Astensioni progressive dal lavoro, fino ad arrivare al fermo produttivo dello stabilimento di Termoli se non dovessero arrivare riscontri risolutivi dei problemi di produzione, sicurezza e diritti dei lavoratori”. Lo hanno annunciato e segreterie e le Rsu Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil e Failc Confail in merito alla vertenza Vibac.

“A gennaio la Vibac – si legge nella nota congiunta dei sindacati – ha aperto una cassa integrazione guadagni ordinaria per 13 settimane per calo di commesse, annunciando la revisione dell’impianto di recupero, l’efficientamento dell’impianto Hotmelt, la ricapitalizzazione della società con 8 milioni di euro, ma anche l’implementazione di una serie di magazzini negli Stati Uniti per far lavorare di più l’Italia, la riduzione delle commesse e la necessità di produrre a costi inferiori a quelli attuali, per tornare ad essere competitivi, un investimento per riorganizzare lo stabilimento di Termoli, di 1,5 milioni di euro, la fermata dello stabilimento per 8/10 mesi per la sostituzione delle caldaie e il revamping degli impianti. Le belle notizie degli investimenti compensavano quelle brutte della crisi, ma Vibac ha chiesto anche di azzerare tutta la contrattazione di secondo livello con una moratoria per tre anni, fatto concretizzatosi con la disdetta unilaterale di tutti gli accordi aziendali, con comunicazione del 24 febbraio. Nel frattempo la Cigo è cominciata, ma stanno già lavorando 60 lavoratori su 150 con tantissime inefficienze di produzione che il titolare dell’azienda ha definito in videoconferenza “pericolose per gli addetti” in una delle linee di produzione. Degli investimenti annunciati previsti, nemmeno l’ombra. Intanto sono stati ‘dismessi’ i lavoratori interinali, come fossero carta straccia e addirittura pagando delle penali!”.

I sindacati sottolineano di volere aiutare la ripresa della Vibac, con il coinvolgimento delle Istituzioni Molisane, dell’Arpa e della Asrem per la risoluzione dei problemi ostativi alla produzione e alla conservazione dei livelli occupazionali “ma l’azienda è silente e non dice, come dovrebbe nel rispetto dei sindacati, delle istituzioni e del territorio, quale direzione vuole prendere per il prossimo futuro. L’assemblea di ieri intanto, ha deciso di intraprendere una lotta dura, ma non immediata, vista anche la brusca interruzione delle relazioni sindacali con la Rsu, per dare all’azienda il tempo di riflettere su queste nostre considerazioni. Si passerà quindi, nel corso della prossima settimana, ad una protesta con astensioni progressive dal lavoro, fino ad arrivare al fermo produttivo dello stabilimento di Termoli, se non dovessero arrivare riscontri risolutivi dei problemi di produzione, sicurezza e diritti dei lavoratori”.

Più letti

Venafro, tutto pronto per la settima edizione di ‘Femminile Plurale’

Appuntamento giovedì 7 marzo presso la Palazzina Liberty VENAFRO. Venus Verticordia ha il piacere e l'onore di presentare la settima edizione di Femminile Plurale, la...
spot_img
spot_img
spot_img